AD AVIGLIANA IL CONVEGNO “ASCOLTARE L’AUTISMO”

dalla FONDAZIONE CASA DI CARITÀ ARTI E MESTIERI ONLUS

AVIGLIANA – Una crociera in famiglia: un momento di normale allegria per una vacanza spensierata che si trasforma, per le persone diversamente abili, in un’occasione di “normalità”, di integrazione, di serenità in un contesto di crescita non sempre semplice. Ed è proprio una crociera nel Mar Mediterraneo l’esperienza vissuta da un gruppo di famiglie di bambini e ragazzi con autismo, realizzata dall’associazione “Diversamente Onlus” il cuore dell’evento di sensibilizzazione sull’autismo, organizzato dalla Fondazione Casa di Carità Arti e Mestieri Onlus, in collaborazione con le associazioni “Pronto soccorso autismo”, “Diversamente Onlus”, “La Casa tra le nuvole” e con il patrocinio delle Città di Torino e di Avigliana e della Città Metropolitana di Cagliari.

Un incontro di sensibilizzazione che la nostra Fondazione offre ai due territori della città di Torino e della Val di Susa, con due edizioni della conferenza, sabato 23 marzo: in mattinata, presso la sede torinese di corso Benedetto Brin dalle ore 9 alle 13 e ad Avigliana presso il plesso della scula secondaria di primo grado “Defendente Ferrari”, in via Cavalieri di Vittorio Veneto.

Un intenso programma, che parte alle ore 15 con la registrazione dei partecipanti e un caffè di benvenuto, offerto dal supermercato Carrefour di Buttigliera Alta, per poi proseguire alle 15.30 con gli interventi dei referenti del progetto. Il saluto d’apertura spetterà alla dottoressa Valeria Romano, Referente dell’Area Diversamente Abili della Fondazione Casa di Carità Arti e Mestieri; a cui seguirà il saluto del sindaco di Avigliana Andrea Archinà, di Ugo Parenti, life coach e counselor in psicosintesi di “Pronto soccorso autismo” e in “Le iniziative dello Gnomo ASPirino”, di Elisa Aschieri e Paola Varallo dell’associazione “Casa tra le nuvole” di Buttigliera Alta. Alle 16 il significativo intervento di uno dei massimi esperti di autismo a livello nazionale, il professor Maurizio Arduino, responsabile del “Centro autismo e sindrome di Asperger” di Mondovì. Alle 16.30 sarà proiettato il lungometraggio dal titolo “In alto mare” ossia un documentario cinematografico che racconta l’esperienza della crociera nel Mar Mediterraneo, di cui si diceva in apertura. Un film che mira a sensibilizzare il pubblico sulle problematiche vissute dalle persone con autismo e dalle loro famiglie e sul loro bisogno di integrazione. In chiusura alle 17.45 una tavola rotonda con i protagonisti del film, moderata da Lisella Ghione. Il pomeriggio si chiuderà alle ore 18.30 con la consegna degli attestati di partecipazione.

La Fondazione Casa di Carità Arti e Mestieri ha nella propria mission l’attenzione e il lavoro per l’integrazione sociale e lavorativa di tutti i soggetti più fragili – commenta l’intenzione dell’iniziativa la dottoressa Valeria Romano, curatrice dell’evento – Attenzione che realizziamo non solo organizzando corsi di formazione e inserimento professionale per persone con diversa abilità, in molte nostre sedi, ma anche con molte occasioni di riflessione e promozione della cultura delle pari opportunità per tutti, rivolte ai nostri utenti e ai territori in cui operiamo. Su quest’ultimo filone, si innesta l’organizzazione di questo incontro, che si concentra su una delle diverse abilità che più colpisce le famiglie e i ragazzi, impegnandole in percorsi di crescita spesso impegnativi. Vogliamo, in questo modo, dare il nostro fattivo contributo a promuovere una buona prassi e un progetto di integrazione sperimentale come quello raccontato in “Alto mare”” Teniamo a evidenziare la presenza, tra i nostri relatori, del professor Arduino, celebre esperto a livello nazionale di autismo che, con la sua partecipazione, impreziosisce di un importante contributo scientifico il nostro convegno“.

Abbiamo fortemente voluto portare quest’evento anche ad Avigliana, replicando nel pomeriggio la sessione mattutina di Torino, per offrire anche al territorio della Val di Susa un’importante occasione di approfondimento – spiega il direttore del centro Riccardo Azzolini – Un territorio con il quale intrecciamo già un’importante e fruttuosa rete di collaborazioni, proprio sul filone del supporto alle diverse abilità, per l’integrazione, nei nostri corsi di Obbligo d’Istruzione, di adolescenti con disabilità e per la realizzazione di due percorsi ad hoc per l’inserimento o il reinserimento professionale di giovani e adulti con disabilità intellettiva o fisica“.

Si ricorda che la partecipazione all’evento è gratuita, ma i posti sono limitati ed è pertanto obbligatoria l’iscrizione andando sul sito Internet www.casadicarita.org.

 

Share Button

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione