BANDO PER FARE L’ADDETTO STAMPA A SESTRIERE: GLI AMMESSI AL COLLOQUIO SONO 7, MA ALLA FINE SI PRESENTA UNO SOLO. STRANEZZE AI 2000 METRI

di FABIO TANZILLI

In tanti oggigiorno cercano lavoro, e con la crisi che c’è, chi non vorrebbe un posto in Comune, anche solo come collaboratore, per 2177 euro lordi al mese? Eppure a Sestriere succede che, al momento giusto, nessuno dei candidati coi requisiti che avevano fatto domanda per quel dato posto, si presenti al colloquio. Ci va – stranamente – un solo candidato, l’unico a presentarsi all’incontro: che poi é la stessa persona che svolge quello stesso incarico da anni. Va bene che era venerdì 13, ma a Sestriere quel giorno non nevicava. E indovinate chi ha vinto la selezione? Merita attenzione, e suscita curiosità, l’esito del bando per affidamento pubblico (pagato coi soldi dei cittadini) del ruolo di addetto stampa del Comune di Sestriere. Per la cronaca, ha ottenuto nuovamente l’incarico Ezio Romano: lo stesso addetto che svolgeva questo ruolo già nei quattro anni precedenti di amministrazione Marin, e che già svolgeva lo stesso lavoro con l’ex sindaco Colarelli. Insomma, una tradizione che si rinnova, ora, fino al dicembre 2016. Il compenso annuo per l’addetto stampa ammonta a 26.132 euro lordi (2177 euro mensili lordi, circa 1800 euro netti). Nel contempo, in questi anni, Romano ha svolto il medesimo incarico pubblico – di addetto stampa pagato con soldi dei cittadini – da altri sindaci, per i Comuni di Cesana, Pragelato, Sauze d’Oulx e Susa, ricevendo da ognuno ovviamente un differente compenso da accumulare. E la stessa cosa accadeva anche a Bardonecchia, almeno fino a qualche tempo fa (la scelta però aveva fatto discutere in paese, perché in sostanza, si era affidata la comunicazione allo stesso addetto stampa che faceva il medesimo lavoro per una o più località “concorrenti” dal punto di vista economico e turistico a Bardonecchia, ossia Sestriere, Sauze, ecc). Ma non solo: lo stesso Romano si occupa anche del ruolo di ufficio stampa anche per il Consorzio Turistico di Sestriere e le Montagne Olimpiche (sempre a maggioranza pubblica, di cui fanno parte i Comuni di Sestriere, Pragelato, Sauze di Cesana e Cesana). Il tutto in una commistione di coincidenze, ruoli e affinità: gran parte di questi Comuni hanno lo stesso segretario comunale (Diego Joannas svolge l’incarico a Sestriere, Cesana, Pragelato), il sindaco di Pragelato Arolfo é anche presidente del Consorzio Turistico di Sestriere e le Montagne Olimpiche, e i vari Comuni, tutti insieme, hanno costituito recentemente l’Unione dei Comuni della Vialattea (altro ente pubblico). E indovinate anche qui, chi è che manda i comunicati stampa dell’Unione? Sempre Ezio Romano. I vari incarichi elencati poco fa nei vari Comuni sono sempre stati affidati in maniera diretta, senza bando pubblico o concorso. Ma ora, per legge, i Comuni non possono più assegnare direttamente questo tipo di lavoro, e devono attendersi almeno ad un minimo di “selezione trasparente” tra vari candidati, proprio tramite bando. E l’esito di quanto avvenuto a Sestriere suscita curiosità, non tanto per i contenuti del bando in sé, ma per come si é arrivati alla selezione. I requisiti richiesti erano molto specifici. Ma al Comune sono pervenute comunque 18 candidature per il ruolo di addetto stampa. Eppure la commissione ne ha respinte ben 11 (che probabilmente non avevano requisiti). Qui sotto potete vedere l’elenco. Solo in 7 vengono ammessi al colloquio, che era stato fissato per venerdì 13 dicembre. Eppure quel giorno solo una persona si é presentata (Ezio Romano) tutti gli altri non ci sono andati. Anche se avevano – per curriculum ed esperienza professionale nelle pubbliche amministrazioni – un punteggio maggiore rispetto all’addetto stampa di Sestriere: Romano era penultimo nei punteggi, ma gli altri candidati non potevano saperlo perché sono stati inseriti in elenco solo in ordine di presentazione della domanda. La tabella pubblicata dal Comune, a seguito dell’unico colloquio svolto con Romano, che potete guardare in questa pagina, sorprende. Tutti assenti, tranne uno. Scompare da tale elenco dei colloqui, forse per un refuso, anche una candidata che era stata ammessa il giorno prima (Scarampallese Dora). Alcuni degli altri candidati, interpellati da ValsusaOggi, hanno detto le ragioni per cui non sarebbero andati: “Arrivo da lontano, la graduatoria con gli ammessi al colloquio é stata pubblicata solo il giorno prima, e mi era impossibile trovarmi a Sestriere già al mattino dopo, alle 9.30, visto che non potevo sapere in che posizione ero in graduatoria” ha detto uno degli aspiranti addetti stampa. “Stranamente sul bando é stato scritto che venivano avvisati telefonicamente solo coloro che erano stati non ammessi al colloquio per l’assunzione, mentre di solito avviene il contrario, ossia si telefona a quelli che dovrebbero essere scelti, per favorirne la partecipazione – spiega un altro candidato – tra l’altro per far riconoscere i miei punteggi ho dovuto anche faticare con il Comune, mi facevano storie anche se sono addetto stampa del Consiglio Regionale del Piemonte. Se non é una pubblica amministrazione quella….”.

20131227-100641.jpg

20131227-174328.jpg


Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione