CALCIO, IL RUBIANA VINCE IL CAMPIONATO E VA ALLE FINALI ITALIANE

dall’A.S.D. RUBIANA CALCIO

RUBIANA – E sono due e pure consecutivi. Un vero e proprio “double” o, in un modo più latino “doblete”. Atteso che la nostra squadra appartiene ad un campionato un pochino più “over” rispetto a quelli probabilmente indicati (n.d.r. – Over 35 sta ad indicare che tutti i giocatori possiedono una carta di identità personale che va ben oltre i 35 anni) per noi il “doblete” si può tranquillamente considerare realizzato anche se in un periodo di tempo un pochetto più lungo di una sola singola stagione. L’importante è che questo periodo sia, sempre e comunque: vincente!!

L’A.S.D. Rubiana Calcio (Categoria Over 35), dopo la vittoria del Campionato di Calcio ad 11 giocatori – UISP Over 35 Torino – Girone Unico della scorsa stagione agonistica 2017-2018 si ripete anche in questa stagione agonistica 2018-2019 vincendo, in esterna a Robassomero (Torino) nella giornata di lunedì 17 giugno contro la fortissima compagine del Punto Uno.

Una vera e propria battaglia, un “testa a testa” rincorrente per quasi tutta la presente stagione. Ma vediamo come siamo riusciti a raggiungere questa importante vittoria. C’è subito da dire che inizialmente la Punto Uno, squadra ostica e capace (con ottimo mix di giocatori coriacei e tecnici) nella fase finale del campionato stagionale Uisp si trovava davanti alla compagine valsusina per un solo punto di differenza. Sembrava quasi finita ed ecco invece ancora una chance da sfruttare: per determinare la vincente della presente categoria in questa stagione agonistica, il Comitato di Torino Calcio Uisp (nel proprio regolamento) ha ritenuto di attivare, alla fine delle 22 giornate di gara, la formula dei Play Off ossia delle gare a sola andata tra le prime quattro squadre in classifica (Punto Uno, A.S.D. Rubiana, Gio.Ne.Gio Asd e Gunners Team).

La squadra vincente quest’anno avrebbe dovuto mettere tanto cuore, passione e sacrificio in campo per vincere questa fase dei Play Off visto la caratura tecnica, il livello e le qualità delle quattro squadre aventi diritto, ora tutte nuovamente in gioco, indipendentemente dalla classifica provvisoria di fine stagione. Ma ci aspettava, in caso di vittoria, appunto, il doblete e allora: pronti e via con le Semifinali.

Mentre la Punto Uno (1° in classifica prima dei Play Off) eliminava (pareggiando 2-2 in casa loro a Robassomero) l’energica compagine dei Gunners Team di Torino (4° in classifica prima dei Play Off) la nostra Squadra (2° in classifica prima dei Play Off) affrontava a Rubiana un match difficile contro la squadra del Gio.Ne.Gio. ASD (3° in classifica prima dei Play Off e gruppo difficile da domare per via delle grandi personalità in campo) alla fine regolata con il risultato di 2-1, ribaltando completamente il risultato avverso del primo tempo che ci vedeva sotto di un gol. Era stata raggiunta la Finale, anche se in esterna nella “tana del lupo” del Punto Uno. Ma eravamo in Finale.

Lunedì 17 giugno 2019: ecco la tanto attesa data della finale. In questi casi, con i piedi ben saldi e senza guardare in modo troppo esplicito la carta d’identità, si
ritorna indietro nel tempo e si viaggia con la fantasia..anche alla nostra età! Una finale è pur sempre una finale anche se giocata su un campo da calcio qualsiasi, sperduto della periferia metropolitana di Torino oppure in uno stadio vero e glorioso come, ad esempio, l’Estadio de Mestalla di Valencia (attualmente il più antico stadio spagnolo…degno di tutto rispetto) in un lunedì qualsiasi e senza il clamore di mass media, fotografi e testate giornalistiche.

Tra noi e il titolo, solamente 70 minuti (come da regolamento Uisp) sudati e combattuti (come si dovrebbe giocare una finale). La partita termina in pareggio con il risultato di 1-1. Siamo passati in vantaggio e poi ci hanno raggiunto sul finale. Giusto così. L’intera posta (ossia il titolo del presente campionato Over 35) si sarebbe definita con la roulette del calci di rigore (senza ulteriori tempi supplementari). Uno contro l’altro. Undici metri di distanza ed un pallone come arma. Il calcio di rigore trasforma per un momento uno sport di squadra in uno sport “individuale”. Il frastuono della partita si spegne lasciando spazio e tempo ad un silenzio d’attesa. Poi il fischio dell’arbitro. Tutti gli occhi puntati sul duello, qualche istante e ci sarà il verdetto senza appello, che distribuirà gioia e amarezza in
parti uguali. Alla fine è vittoria per 5-3 e soprattutto doblete.

La squadra allenata da Andrea Grimaldi ha affrontato una stagione combattuta fino alla fine, la tenacia e la forza di volontà di tutta la squadra (dalla dirigenza ai singoli giocatori) ha premiato il duro lavoro di tutta la stagione vincendo quindi, per il secondo anno consecutivo, il campionato Over 35 Uisp Territoriale. Non avendo potuto partecipare lo scorso anno, anche grazie a questo trionfo, la vittoria del presente campionato ci ha permesso di iscriverci alle finali nazionali Uisp Over 35 di Pesaro. Purtroppo a causa del lavoro non siamo potuti partire al completo con tutti gli atleti della squadra al completo, ma alcuni giocatori sono stati sostituiti con nuovi importanti innesti di altri giocatori (Barranca, Coniglio, Grandi, Palieri e Suteu).

Nel fine settimana, tra venerdì 28 e domenica 30 giugno abbiamo raggiunto la città marchigiana per aderire a quest’importante manifestazione di carattere nazionale che ha visto partecipare per più categorie femminili e maschili con oltre 1.500 atleti, 58 squadre partecipanti e 98 soggetti tra arbitri e staff. Per noi come compagine valsusina è stata una assoluta novità questa fase finale nazionale, giocata purtroppo con una temperatura sahariana atroce, per la quale non eravamo assolutamente preparati. Questa manifestazione nazionale ci ha permesso comunque di sfidare alcune società vincenti e provenienti da altre regioni italiane: nel nostro girone erano presenti una squadra dall’Abruzzo ossia l’Fc Pro Sacco 1971 e una calabrese il San Pietro Calcio 2010.

Le partite di qualificazione ci hanno visto purtroppo uscire sconfitti, ma sempre con onore e con i complimenti sinceri delle squadre avversarie. Con la squadra che vincerà poi il Trofeo Nazionale Uisp 2019 ossia l’Asdc Bsporting di Brescia sono arrivati i complimenti da parte dei loro giocatori e della loro società per il bell’incontro svolto nonostante la sconfitta per 2-1.

Queste partite ci hanno permesso di conoscere nuove realtà oltre ad effettuare nuove esperienze (anche alla nostra età) utili per riprovarci, con più passione e convinzione, magari già dal prossimo anno in modo da trovarci, sicuramente, più carichi, istruiti e preparati rispetto a questa nostra prima partecipazione.

In questi ultimi due anni di attività l’A.S.D. Rubiana Calcio è riuscita a portare il calcio locale Seniores ai massimi livelli e queste vittorie possono rappresentare il primo passo per un progetto sportivo più ampio che vedrà, nei prossimi anni, l’A.S.D. Rubiana Calcio impegnarsi sempre di più, prendendo spunto dalla squadra Over 35 per coinvolgere anche altri atleti e giocatori (bambini ed adulti) al fine di riportare il grande sport (rimarcante i veri valori dell’amicizia, del rispetto delle regole e dei sacrifici che questa dirigenza svolge con tutta la passione possibile) anche in Rubiana e soprattutto tra i cittadini rubianesi.

Un ringraziamento va pertanto esteso a tutto il direttivo societario dell’A.S.D. Rubiana Calcio, al Comune di Rubiana e a tutti gli sponsor societari.

LA ROSA COMPLETA DELL’A.S.D. RUBIANA CALCIO

Gianluca Morando (Capitano)

Ionut Nastase Catalin

Stefano Cogerino

Roberto Mazzaferri

Andrea Capuano

Giovanni Manfredi

Massimo Siccardi

Samuel Luis De Brito

Raffaele Variale

Paolo Smeraldo

Franco Gaviglio

Marco Guerra

Fabrizio Garbolino

Matteo Arquilla

Enrico Giuseppe Valloire

Roberto Marchisio

Enrico Ursich

Alessandro Gardenal

Antonio Antelmi

Antonio Siciliano

Marco Galasso

Vincenzo Palermo

Fernando Carè

Emanuel Benedetto

Allenatore: Andrea Grimaldi

Dirigenti Accompagnatori: Fabio Mistretta e Giovanni Costamagna

 

 

Share Button

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione