CAPRIE, LAVORATORI SENZA SOLDI: IL “PADRONE” É IRREPERIBILE

Passati alcuni mesi dal presidio dei lavoratori Bertone Stile e Bertone R&D di Caprie i problemi sono ancora aperti. Per Bertone Stile (80% proprietà Lilly Bertone e 20% finanziaria) in liquidazione è stato richiesto il Concordato Preventivo “in bianco” (inizialmente concesso per 60 giorni e prorogato, su richiesta dell’Azienda, di altri 60 giorni) e sono stati nominati dal Tribunale di Torino sia il Commissario che il Consulente del lavoro, il che determina un percorso definito. Per Bertone R&D (90% Bertone 100 – che detiene il marchio Bertone, 5% Marco Filippa, 5% altri) che ha, fino a luglio 2014,in carico i lavoratori ex Tedi (100% Marco Filippa) per cui è stato richiesto il Concordato in bianco; la situazione è ancora più drammatica perché l’amministratore delegato Marco Filippa si è di nuovo reso irreperibile, più nessuno è presente in azienda e i lavoratori sono alle prese con problemi pratici che a causa dell’Azienda sono irrisolvibili.
1) Non è stato consegnato i Cud nei termini di Legge (28/2/2014) per cui non possono fare la dichiarazione dei redditi;
2) Non sono stati consegnati i listini paga delle mensilità non corrisposte (Ottobre, Novembre, Dicembre e 13° mensilità del 2013, a causa di questo i lavoratori non riescono ad ottenere, dalle banche, l’anticipo della CIGS e di conseguenza molti di loro si trovano in condizioni drammatiche per mancanza di soldi;
3) Non vengono rendicontate le ore di CIG Ordinaria e della CIG in Deroga per cui l’INPS, pur essendo approvata la Cassa, non procede al pagamento;
4) Non viene data nessuna informazione in merito alla situazione aziendale che l’Azienda si era impegnata a dare entro il 2013.
Molti lavoratori BERTONE R&D (almeno 30) si sono rivolti all’Ufficio Vertenze della FIOM per fare vertenza per il recupero dei propri crediti e, visto che nessuna risposta da parte aziendale c’è stata, le pratiche sono ormai nella fase Legale. A fronte di questa situazione i lavoratori si vedono costretti a tutte le denunce del caso. Marinella Baltera, funzionaria FIOM dichiara:
“E’ incomprensibile e irresponsabile questo atteggiamento, non si capisce perché si dichiara di avere trovato i finanziamenti per proseguire l’attività e acquisire le commesse di Bertone Stile e poi si sparisce letteralmente.
L’Amministratore Delegato si è dimostrato persona non seria né affidabile non avendo più volte mantenuto la parola data. Non sappiamo se la proprietà, con la signora Lilly Bertone, sia a conoscenza della situazione ma, visto che ha più volte dichiarato di avere a cuore la situazione dei dipendenti, Le chiediamo di intervenire con urgenza per risolvere sia gli obblighi amministrativi sia per definire cosa ne sarà dei lavoratori Bertone R&D visto che si erano impegnati a chiedere il Concordato se non avessero trovato i finanziatori per pagare gli arretrati dei lavoratori. ​Concordato che doveva essere richiesto entro il 2013 e che ad oggi non è stato presentato con l’aggravante che sono tutti irreperibili.”


Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione