DA COLLEGNO A OULX, L’INCONTRO CON MAMMA CATERINA: DA 13 ANNI SPERA NEL RITORNO DI SUO FIGLIO

dall’ISTITUTO DES AMBROIS

OULX – Nella mattinata di sabato 15 dicembre presso l’Auditorium dell’Istituto Des Ambrois di Oulx si terrà alle 9 l’incontro con Caterina Migliaia Catalano, mamma di Fabrizio Catalano.

Fabrizio Catalano di Collegno aveva diciannove anni quando se ne sono perse le sue tracce sul sentiero francescano della pace il 21 luglio 2005 ad Assisi (Perugia), dove frequentava il secondo anno di musicoterapia.

La sua famiglia composta da mamma Caterina, papà Ezio e il fratello Alessio, non ha mai smesso di cercarlo in questi anni con ogni possibile iniziativa. Fabrizio ha sempre amato scrivere, racconti e poesie, da questa sua passione e per far scoprire il magico potere della scrittura nasce il concorso letterario denominato “Caro Fabrizio ti racconto..” indetto dall’Associazione “Cercando Fabrizio e..” di Collegno.

Un modo tra gli altri per tenere sempre viva l’attenzione sulla storia di Fabrizio e sensibilizzare sul mondo degli scomparsi. Quest’anno l’Istituto Des Ambrois, sulla via della marcia per la Pace ha incontrato Caterina con una delegazione dell’associazione.

Nel contesto del racconto dell’attesa senza resa di Caterina Migliazza Catalano, mamma di Fabrizio Catalano, Cristina Frascà, partendo dal drammatico episodio che l’ha vista protagonista di una scomparsa, fortunatamente a lieto fine, racconterà come questo episodio sia stato fonte di ispirazione di Egò – La ricetta dell’amore su misura Robin&Sons.

Saranno due storie, quella di Caterina e di Cristina, che testimoniano come la scrittura, possa essere testimone e al tempo stesso salvezza in momenti cruciali della vita.

Cristina Frascà è nata e vive a Torino, laureata in lettere moderne, insegna in una Scuola Primaria Statale. Da sempre appassionata alla lettura, adora viaggiare, osservare le persone e trascorrere il tempo insieme alla famiglia e agli amici.

 

 

 

 

 

Per info: www.fabriziocatalano.it.

 

Share Button

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione