FOTO / RAMONA E ALESSANDRA SI SONO SPOSATE: LA PRIMA UNIONE CIVILE A VAIE

Il lancio del riso all’esterno dell’ex Comune

di IVO BLANDINO

VAIE – Questa mattina, sabato 10 marzo alle 11.30, grazie alla legge Cirinnà Ramona Ferraudo (34 anni) di Vaie e Alessandra Di Nicoli (35 anni) di Torino, hanno coronato il loro sogno d’amore siglando l’unione civile. La cerimonia si è svolta presso la sede dell’ex Comune, nella sala del museo della preistoria in via San Pancrazio: un locale piccolo, ma per l’occasione risultato ben addobbato con palloncini colorati e alcune candele ben disposte in ampolle di vetro.

L’unione tra le due ragazze è stata officiata dall’assessora alle pari opportunità e  vicesindaca  Elisabetta Serra, ma era presente anche il sindaco di Vaie Enzo Merini.

Nel corso della cerimonia, la vicesindaca Serra ha sottolineato che “questo atto oggi si può celebrare, grazie alla lotta di molti che in Italia credono nel rispetto delle idee altrui…e per raggiungere questo obiettivo hanno lavorato con passione. L’amore non conosce sesso, lingua o religione, ma solo il rispetto e la sincera unione tra due persone”.

La cerimonia è proseguita con i riti del consenso,  lo scambio degli anelli e lettura degli articoli di legge. All’uscita c’è stato il lancio del riso. Quella di oggi è stata la seconda unione civile svolta in Valsusa: lo scorso anno, in primavera, il rito si è tenuto ad Almese.

Share Button

25 thoughts on “FOTO / RAMONA E ALESSANDRA SI SONO SPOSATE: LA PRIMA UNIONE CIVILE A VAIE

    1. M.P.

      Le unioni “incivili” come tutte le cose contro natura che si vogliono per forza regolarizzare rappresentano la sconfitta dell’ uomo verso la natura stessa.

      Speriamo che siano abbastanza intelligenti da non avere figli o pretendere di diventare genitori.

      Risposta
    2. paco

      Figli maschi? Magari con l’utero in affitto di qualche mamma surrogata dei Paesi poveri che per non morire di fame deve affittare il proprio corpo? E comunque, se tutti dobbiamo avere dei diritti, rispettiamo anche i diritti dei bimbi di avere un papà e una mamma, chi vuole una vita diversa non deve per forza replicare quella delle coppie comuni…

      Risposta
  1. GABRIELE SELVAGGIO

    Io credo che questo matrimonio e valevole solamente per la legge degli uomini,ma per la legge di Dio non e valido .perche?
    La risposta si trova in Galati 6:9 .DIO condanna i matrimoni gay perche non sono naturali ossia tra uomo e donna. Non siete un esempio per i giovani .
    ..

    Risposta
    1. Uno dei tanti

      Domanda ma se Dio non voleva i gay perché esistono visto che Lui ha creato tutto e tutti?
      Ma fatemi il favore con questi discorsi.

      Risposta
  2. Gian

    Che tristezza nel 2018 sentire ancora un mare di c…..e riguardo a unioni civili fra gay,adozioni,
    leggi contro natura ecc ecc
    Vi auguro un mare di bene per tutta la vita

    Risposta
  3. cambieroilmondo

    nei commenti, l’adorabile omofobia della valsusa leghista 😉

    iniziaste a guardare alla mafia che vi permea e ai vostri sindaci leghisti/berluscones… anziché nelle mutande degli altri, sarebbe cosa buona e giusta (per citare il dio che usate a sproposito)

    Risposta
  4. valter ravetto

    Dio non lo approva… BUDDA SI, quindi date un sonoro calcione in culo a questa obsoleta divinità che ha più di 2000 anni a passate al nuovo dio. Nichiren Daishonin, se ne frega del sesso , anzi approva le unioni omosessuali; fate il salto di qualità vivrete felici .
    myōhō renge kyō (南無妙法蓮華経 a tutti

    Risposta
  5. Uno Qualunque

    Mamma mia che società bigotta. Dio dice anche che il matrimonio è per sempre, allora lasciamo che le donne vessate da mariti autoritari o violenti continuino a vivere in un incubo. L’ amore non ha pregiudizi, a differenza delle persone limitate mentalmente. Il matrimonio deve unire due persone che si amano, non un uomo e una donna, due persone. Tanti auguri per una serena vita insieme.

    Risposta
  6. Luigi

    Quando l’ Amore va in vacanza. Come sono buoni i bianchi; diceva il cannibale , rosicchiando la tibia dell’esploratore.

    Risposta
    1. M.P.

      Non mi sembra che il mio pensiero scritto sia omofobo o bigotto, lasciamo stare Dio, le religioni, ecc.ecc.la propria fede e il proprio credo non vanno messi in piazza per critica o per dare lezioni a nessuno, il proprio credo va solo silenziosamente rispettato.
      Ognuno della propria sessualita’ ne fa cosa vuole, la convivenza tra due gay per fortuna non e’ piu’ reato da tanti anni….ma la natura va rispettata un bambino viene concepito da un uomo e una donna e’ assodato e indiscutibile che un bambino ha la necessita’ di crescere confrontandosi con i due sessi, una mamma con i genitali e con un dna nel modo di essere femmina e un papa’ con genitali e un dna nel modo di essere maschio.
      Una coppia gay che pretende di essere genitore e’ solo una scelta egoista , cosi’ un parlamento che asseconda tutto cosa e’ contronatura e’ solo opportunista, sono voti elettorali e basta.
      Personalmente conosco alcune coppie gay che con tanto sacrificio e intelligenza hanno scelto di non pretendere di essere genitori perche’consapevoli che un bambino non puo’ crescere sereno con due mamme o con due papa’.
      Chi scrive che questi sono discorsi bigotti…..vuole apparire aperto mentalmente, al passo con i tempi, moderno…a parer mio sono posizioni molto superficiali, bisognerebbe soffermarsi di piu’ e seriamente qual’e’ il vero bene per un bambino, e non dico che due gay non sarebbero in grado di amarlo, ma non sono in grado di soddisfare le necessita’ psicologiche di crescita, un benessere psicofisico, la natura non glelo permette.

      Se questo “matrimonio” tra Ramona e Alessandra e’ tanto naturale che bisogno c’e’ di scrivere ben due articoli e tempestare il tutto di fotografie?

      Risposta
  7. Marta

    Ma dove è il problema? Secondo me non è una notizia degna di nota perché trattasi di vita privata. Visto che non danneggiano nessuno ognuno é libero di fare cosa vuole

    Risposta
  8. Serena

    Quanti buoni cristiani….fate tristezza! Poi i peggiori sono sempre quelli che fanno la morale….meglio la pedofilia nella chiesa eh?

    Risposta
    1. Penelope

      che paragone del c….? Serena hai poche argomentazioni se fai la critica, tu per prima fai la morale contro i cattolici, qui nessuno ha scritto da cattolico, subito si e’ puntualizzato prendenfo a esempio il tragico problema della pedofilia, deviazione sessuale da condannare fermamente, come da curare chiunque abbia problemi di deviazioni sessuali come deviati sessualmente sono i gay .
      E’ la medicina che lo dice no i bigotti come chiamate su queste pagine chi argomenta seriamente le perplessita’ di essere genitori, un bambino e’ meno disorientato con un unico genitore che aver due genitori dello stesso sesso questo e’ indiscutibile.

      Risposta
  9. Uno Qualunque

    I bambini non crescono sereni perché la società non li accetta, non perché le coppie gay non siano in grado di allevarli. Se fosse vero che i bambini hanno assolutamente bisogno di una mamma e di un papà allora togliamoli alle ragazze madri!!!! Per educare i bambini non occorre necessariamente essere un padre ed una madre, semplicemente basta saper essere genitore.

    Risposta
    1. orfano

      Tu avresti preferito rimanere orfano di 1 genitore?
      L’avresti rienuta una fortuna o una disgrazia?

      Risposta
    2. totò

      Scusasse,
      ma con 2 dello stesso sesso
      la cicogna viene lo stesso?

      Risposta

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione