FOTO / UN ALTRO LUPO INVESTITO DA UN TRENO: È IL QUARTO CASO TRA CHIOMONTE E GRAVERE

CHIOMONTE – Sabato pomeriggio gli agenti del servizio tutela fauna e flora della Città Metropolitana sono intervenuti lungo la linea ferroviaria della Torino – Bardonecchia per recuperare il corpo senza vita di una femmina di lupo. L’animale è stato investito da un treno all’altezza del vecchio casello di Chiomonte, al confine con il territorio di Gravere. Il corpo è stato ritrovato da alcuni escursionisti, che hanno dato l’allarme. Si tratta del quarto episodio avvenuto negli ultimi tre mesi in quella zona, sempre lungo la ferrovia. I lupi vanno vicino ai binari per mangiare le carcasse degli ungulati e di altri animali che vengono spesso investiti dai treni, ma a sua volta anche loro fanno la stessa fine. La lupa è stata portata all’Università di Torino per i consueti esami autoptici.

Share Button

4 thoughts on “FOTO / UN ALTRO LUPO INVESTITO DA UN TRENO: È IL QUARTO CASO TRA CHIOMONTE E GRAVERE

  1. Charles Marra

    Bisogna porre fine a questa mattanza che offende il Creato. Lupi e Cinghiali vanno salvati come gli uomini migranti in mare. Propongo un referendum per chiudere Ferrovie ed Autostrade durante la notte. Anche i margari devono pagare le decime per solidarietà! Gli agnellini devono essere mangiati dai lupi, non dagli uomini. VEGANI Santi Subito

    Risposta
  2. Bruno

    Propongo
    un referendum per scovare una mattanza che sia una lode per il Creatore.
    Durante la notte chiuderei anche ospedali e pronto soccorso per riservare risorse al salvataggio dei cinghiali.
    Non farei nulla per i migranti in mare tanto li non ci sono autostrade e ferrovie.
    Per i margari proporrei, anziché le decime, la decimazione come accadde ai loro bisnonni sul Carso.
    Gli agnellini continuerei ad arrostirli solo il giorno di Pasqua per il palato dei cristiani al ritorno dalla messa.
    Oltre ai vegani santificherei anche l’inventore della pizza e Cappuccetto rosso, che di lupi se ne intendeva e aveva un nonno macchinista che non ha mai investito un lupo…………
    che il delirio continui per mano di chi vorrà dargli seguito.

    Risposta
    1. paco

      Che commenti disgustosi! Sono animali ma spiace comunque vederli morire in una maniera così violenta, e non capisco cosa c’entrano i migranti con questo argomento… Per chi fa questi commenti, qualche giorno a Ghouta potrebbe esser d’aiuto a capire chi si sveglia ogni mattina senza sapere se sopravvivrà alla giornata, magari con dei bambini piccoli che vengono quotidianamente massacrati dalle bombe costruite nei nostri Paesi più evoluti…

      Risposta
  3. Bruno

    Gent,mo Paco, mai sentito parlare di replica per paradossi ad affermazioni surreali?
    Nell’invito conclusivo, dopo i puntini, forse non sono stato abbastanza chiaro, me ne scuso.

    Risposta

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione