FURTI IN VALSUSA: FINTI TECNICI SMAT ENTRANO IN UNA VILLA E DERUBANO COPPIA DI ANZIANI

La via dove è avvenuto il furto

di ANGELO FRANCO

AVIGLIANA – Giovedì mattina, 7 febbraio, intorno alle ore 9 tre uomini si sono introdotti in una villa in Via dei Suppo. Sono arrivati a bordo di una Fiat Punto bianca. I malviventi si sono finti tecnici Smat e vista la problematicità della zona (Grangia), notoriamente coinvolta da problemi di acqua sporca, non hanno faticato a introdursi con l’inganno all’interno della villa. Due dei malviventi hanno distratto il proprietario, conducendolo in un giardino adiacente alla proprietà, con la scusa di effettuare un controllo. Il terzo uomo si è presentato alla porta: la proprietaria, un’anziana signora, lo ha accolto convinta che fosse davvero intenzionato a controllare i rubinetti. I ladri hanno mostrato un finto tesserino. Secondo quanto riferisce la donna, all’improvviso hanno spruzzato una sostanza fumogena che ha provocato malessere sull’anziana, forte mal di gola e uno stato confusionale. L’hanno minacciata e costretta a consegnare oro e denaro, in modo che non avesse ulteriori problemi “a contatto con la stessa sostanza che le ha fatto bruciare la gola”. Mille euro il denaro sottratto. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Avigliana.

Questa è una prima ricostruzione dei fatti fornita a ValsusaOggi dalla proprietaria della villa, che per il momento è sotto shock e non ha intenzione di rilasciare ulteriori dichiarazioni.

Share Button

10 thoughts on “FURTI IN VALSUSA: FINTI TECNICI SMAT ENTRANO IN UNA VILLA E DERUBANO COPPIA DI ANZIANI

  1. Marco

    Saranno sempre questi immigrati, tecnici smat del togo, vero? Nessun commento di odio sbavando rabbia?

    Risposta
    1. Bea

      Hai ragione, ma non temere arriveranno.
      Ieri una certa Gloria è riuscita a praticare un po’ di razzismo spiccio partendo dall’art. sul Bokky camping…..
      Questi erano italianissimi, sarà dura.

      Risposta
    2. Ktm

      Quando quelli del Togo (come li chiami tu…) verranno a casa TUA, magari metterai via un po’ di buonismo del c….o!

      Risposta
      1. Marco

        Nessun buonismo per ignoranti che vedono solo un nemico mentre il paese in recessione va verso un altra crisi finanziaria economica, ma sarà colpa di chi? Non certo dell incapacità di questi governanti da ribrezzo vero? No con gente cosi nessun buonismo

        Risposta
      2. Bea

        Buonismo per i razzisti accecati dalla paura del diverso, , civilta per le persone normali.
        Metta il filo spinato e le mitragliette intorno a casa.

        Risposta
      3. Buonisti un cazzo

        Il buonismo ha un antico parente, nato nel 1938: il “pietismo”. Pietisti erano tutti coloro che durante il regime fascista si macchiavano della colpa di provare qualche sentimento umano per gli ebrei proprio durante gli anni dell’emanazione delle leggi razziali. La svolta antisemita della politica e della società italiana non aveva convinto l’intero paese e coloro che non si allinearono all’ondata di odio della maggioranza vennero scherniti con questo appellativo, vennero isolati insieme alle loro istanze, opinioni che avrebbero potuto salvare milioni di vite umane.

        Ricordalo la prossima volta che verrai ad ammorbarci con i tuoi commenti da perfetto ignorante medio italiano.

        Risposta
  2. Sonia

    Eppure lo dicono in tutti i modi possibili che Smat, Enel ecc…non mandano nessuno a casa….Bisogna prestare attenzione e diffidare di chiunque a costo di risultare scortese….Sono traumi che, specialmente ad una certa età, possono causare seri problemi….a cominciare dai sensi di colpa

    Risposta
  3. Bea

    Forse erano senegalesi della Smat con fondo,tinta chiaro.
    Per i,soliti razzisti ringniosi sarà dura.
    Ieri un esemplare di nome Gloria è riuscita a sbavare un po’ di xenofobia infilandosi nell’art.
    che parlava del Bokky camping.

    Risposta

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione