IL LAGO DI AVIGLIANA TRA I PIÙ BELLI IN ITALIA: CONQUISTA LE “5 VELE BLU” DI LEGAMBIENTE E TOURING CLUB

Il Lago Grande di Avigliana, nella foto di Tatiana Decrù

AVIGLIANA – Anche nel 2017 il Lago Grande ha ricevuto da Legambiente e Touring Club Italiano le “5 Vele Blu”, ossia il massimo punteggio per quanto riguarda la bellezza e la sostenibilità ambientale. Avigliana è stata inserita come meta turistica nell’edizione 2017 della “Guida Blu – Il mare più bello” curata da Legambiente e dal Touring, che offre informazioni sulla qualità dei territori e consigli per i viaggi. “Siamo orgogliosi di questo premio e vorremmo che tutti i cittadini lo fossero” spiega Giulia Bussetti.

Nella classifica dei comprensori lacustri a cinque vele svetta al primo posto il Lago di Molveno (Tn), seguito da Lago di Fiè (Bz) e dal Lago di Monticolo (Bz), tutti in Trentino Alto Adige. Seguono in graduatoria il Lago del Mis in Veneto, il Lago dell’Accesa (Toscana) e il lago Grande di Avigliana (primo in Piemonte). Il Trentino Alto-Adige si conferma la regione al top per numeri di comprensori tra i primi classificati, con ben tre laghi su sei a 5 vele.

“Con la guida – spiega Angelo Gentili, responsabile Turismo di Legambiente – Legambiente premia i comprensori turistici del nostro paese che stanno dimostrando un impegno significativo per la qualità territoriale, le buone pratiche sostenibili, la filiera agroalimentare di eccellenza, i servizi turistici in chiave ecologica. In un momento in cui i turismi correlati fortemente con il territorio stanno diventando veri e propri apripista dell’intero sistema turistico, il modo migliore per raccontare le eccellenze è lanciare la sfida di distretti turistici che guardino alla sostenibilità come ingrediente principale”.

“Con la guida 2017 – spiega Angelo Gentili, responsabile Turismo di Legambiente – premiamo i comprensori turistici del nostro paese che stanno dimostrando un impegno significativo per la qualità territoriale, le buone pratiche sostenibili, la filiera agroalimentare di eccellenza, i servizi turistici in chiave ecologica. Vogliamo raccontare come le reti territoriali e le comunità riescono a valorizzare le nostre coste ed il nostro mare più bello, paesaggi incantevoli ricchi di natura, storia e cultura che costituiscono esempi unici ed attrattivi. In un momento in cui i turismi correlati fortemente con il territorio stanno diventando veri e propri apripista dell’intero sistema turistico, il modo migliore per raccontare le eccellenze è lanciare la sfida di distretti turistici che guardino alla sostenibilità come ingrediente principale”.

Share Button

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione