MINACCE AL SINDACO DI SUSA, BUFERA SULLA BATTUTA DI UN CANDIDATO. PLANO: “SOLIDARIETÀ ALLA AMPRINO”

Dopo la notizia delle ennesime minacce anonime contro il sindaco di Susa Gemma Amprino, é bufera su Facebook per una battuta postata da Maicol Sibille, uno dei candidati della lista “Susa”, opposta a quella del sindaco uscente. Frase poi rimossa dal diretto interessato, che commentava ironicamente quanto avvenuto oggi: “Ormai la crisi ha colpito proprio tutti, anche i delinquenti. Una volta al sindaco mandavano 4 pallottole, ora soltanto più 1” ha scritto Sibille sulla sua pagina. L’immagine del post è stata poi rilanciata da vari utenti su Facebook, criticando “l’uscita” da parte del candidato segusino.
“A vedere poi i commenti di certi candidati di Susa, francamente, non vien più nemmeno voglia di fare commenti – afferma Marco Cicchelli su Facebook – siamo davvero oltre ogni limite”. “Da Sandro Plano e da molti della sua lista che conosco personalmente – aggiunge, sempre su Facebook, Mario Tonini – mi aspetto come minimo che richiedano immediatamente la sua uscita dalla lista. Sarebbe il minimo di educazione civica e rispetto delle più elementari norme di civiltà”. Lapidario anche il commento di Antonio Ferrentino: “É vergognoso”.

Sempre Mario Tonini, pubblica sulla sua pagina del social network la battuta infelice di Sibille. A difenderlo, ci pensa un altro utente, Lorenzo: “Conosco Maicol è un bravissimo ragazzo, sono sicuro che si è trattato di un errore e che voleva far emergere solo la parte ironica della frase…è giusto che venga ripreso per la triste dichiarazione, anzi, se lo incontro lo farò di persona…”.

Infine, a sgombrare il campo da ogni eventuale ambiguità e polemica, ci pensa lo stesso Sandro Plano, chiarendo la posizione sua e della lista “Susa” sull’episodio di oggi: “Esprimo la mia ferma condanna alla lettera di minacce recentemente inviata al sindaco Gemma Amprino e all’assessore Salvatore Panaro – afferma con chiarezza Plano – Queste azioni hanno il solo scopo di aumentare la tensione della prossima competizione elettorale: esprimendo la mia solidarietà ai destinatari dell’intimidazione, mi auguro che gli autori della lettera siano prontamente individuati dagli inquirenti e che non si dia spazio a chi spera o vuole un clima di ostilità funzionale a far dimenticare i veri problemi della Città”.


One thought on “MINACCE AL SINDACO DI SUSA, BUFERA SULLA BATTUTA DI UN CANDIDATO. PLANO: “SOLIDARIETÀ ALLA AMPRINO”

  1. Maurizio

    MIO DIO QUANTE BALLE… un prete mi insegnò a discriminare le balle dalla lunghezza del tempo..
    25 anni fa inizia l’opera della A32 casini bossoli , alla fine nulla finiva in ritrovamenti che mai davano segno tangibile, anni della TAV, penso almeno un camion pieno di ritrovamenti armi buste bossoli i giornali hanno riempito le pagine, mani nulla è accaduno, sempre una cosa però è accaduta che accomune tutte le volte , il raddoppio delle forze armate, più spesa, più rumore meno liberta di circolazione nel proprio paese, più luce per chi aveva ricevuto la lettera o quasivoglia oggetto…. trovo che se si grida al lupo per 25 anni, vuoldire che il lupo, non cè ho è morto di vecchiaia :-), altra cosa è il sindaco Ferrentino, quando era pro NO TAV, era lui un signore i no tav delle vittime che non erano compresi poveretti avevano bisogno di una guida come ferrentino, quando ha capito che i no tav non facevano più comodo cambia aria , e sono diventati tutti cattivoni mnagia bambini, ma siamo coerenti, ferrentino per anni era dentro il team NO TAV, il movimento era tanto prima come ora il movimento che da oltre 20 anni gira in valle, ma di ferrentino non si scrive che ha voltato la schiena al comitato che prima apoggiava, la stessa cosa vale per la sindaca di susa, era pro no tav, poi chissa cosa ha fatto cambiare idea, e tutto filmato, la sindaca che chiede, che qualcuno vada a darle un motivo valido per fare la linea TAV, e io come tutti i valsusini mi chiedo ancora, ma che cosa l’ha convinta a cambiare idea? , e altra domanda è chi è venuto a darle la risposta dicendo cosa per farle cambiare idea, il cittadino di susa non dovrebbe almeno per una volta sola avere il diritto di sentire quelle parole, perchè da no tav si è trasformata in si tav ?, magari dicendolo in una riunione in piazza, molta gente la vedrebbe come lei, i si tav magari si moltiplicherebbero come è successo con lei, le pare ?… Saluti, cmq io sono contrario a sceneggiate come quella della lettera, trovo che solo un pagliaccio possa inviare una lettera , per dire cose che non sa dire a viso aperto..!!

    Risposta

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione