NICHELINO, NUOVO FRANCHISING DEI SERRAMENTI “RE ITALIA”

NICHELINO – “La nostra forza si fonda sulle relazioni”. La frase riportata nero su bianco sulla parete del negozio, alle loro spalle, la dice tutta sull’importanza che il fare un’ottima rete ha per il network torinese delle finestre e dei serramenti.
Massimiliano Ghiani e Nicola Carretta, rispettivamente 42 e 31 anni, sono i prossimi due che salteranno sulla grande nave di Re Italia Franchising.
Il primo franchising dei serramenti griffato Gruppo Re aprirà venerdì 13 settembre, dalle 18, un nuovo punto vendita in via Torino 55 a Nichelino, dopo quelli già inaugurati e ora ben avviati di Torino centro e Rivoli.
Con il taglio del nastro e il brindisi inaugurale dalle 18 aprirà al pubblico lo show room di Nichelino, in cui sarà possibile trovare tutto ciò che fa al caso vostro per l’isolamento termico ed acustico della casa.

Massimiliano Ghiani e Nicola Carretta, titolari del negozio, non vedono l’ora di partire. E mentre fervono gli ultimi preparativi, sono già pronti ad accogliere i futuri clienti che si rivolgeranno a loro con l’aspettativa di trovare qualità dei prodotti, professionalità, competenza e passione per il mestiere.
“Avere ottime relazioni – spiega Nicola Carretta – è la fondamenta da cui tutto è partito e sarà certamente una pietra importante per il nostro futuro.Ho deciso di affiliarmi a Re Italia e di tuffarmi in questa nuova avventura per far conoscere al mondo ciò che siamo e ciò che rappresentiamo”.
“Il franchising rappresenta per noi un’opportunità di crescita non solo a livello economico ma anche a livello umano – aggiunge Massimiliano Ghiani – mi sento carico ed emozionato: non vedo l’ora di iniziare”.
“Il franchising di Re Italia sta andando molto bene – conclude Nicola Carretta – il potenziale che abbiamo è enorme: ci aspetta una bella sfida da affrontare e dobbiamo farlo nel migliore dei modi”.
Tutti in via Torino a Nichelino, allora, venerdì 13 settembre. Massimiliano e Nicola vi aspettano per mostrarvi tutte le opportunità che offre Re Italia e, soprattutto, almeno per quella giornata, per brindare al lavoro che verrà.

(Notizia dall’azienda a cura della New Press)

Share Button

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione