SUSA ED IL LIBRO DEI SOGNI: LA GIUNTA AMPRINO APPROVA 16 OPERE DA 12 MILIONI DI EURO. DAL TEATRO CIVICO AL CASTELLO DI ADELAIDE, DALL’AREA SPORTIVA AL NUOVO POLIVALENTE…MA DIVENTERANNO REALTÀ?

Il “libro dei sogni” di Susa é composto da 16 opere pubbliche, che la giunta di Gemma Amprino ha inserito nell’elenco di quelle realizzabili nel triennio 2014-2016. Si tratta di infrastrutture e interventi dal costo totale di 12 milioni di euro, i cui finanziamenti arrivano principalmente da Comune, Regione, Unione Europea e privati. In questo elenco, le opere che hanno massima priorità (livello 1) sono quattro: il restauro conservativo del Teatro Civico (costo totale 4.400.000 euro), e il financing project del cimitero (costo 2.335.000 euro, interamente da capitale privato), l’allestimento del nuovo museo presso il Castello di Adelaide (860mila euro, di cui 760mila dalla Regione) e la messa in sicurezza delle scuole cittadine (250mila euro). Tra le altre opere di priorità 2, troviamo invece – in ordine di spesa – la manutenzione straordinaria degli impianti sportivi e del salone polisportivo in zona Priorale (costo 1.300.000 euro, cui 500mila proveniente da capitale privato), il progetto di recupero dei punti di acqua storici della città (costo 500mila euro, con contributo regionale), e gli interventi di viabilità e sicurezza stradale nelle vie (360mila euro). Sempre con ordine di priorità 2, ci sono altre opere dall’importo inferiore: la riqualificazione delle zone naturali sulla sponda sinistra della Dora, per uso agricolo (304.724 euro), la trasformazione del magazzino delle ferrovie in centro polivalente (300mila euro), la realizzazione della viabilità ciclo-pedonale in via Donatori di Sangue (250mila euro, di cui 120mila di capitale privato), il recupero del patrimonio immobiliare comunale (250mila euro), e la manutenzione della biblioteca e scuola di via Re Cozio (250mila euro). Infine, nel “libro dei sogni” ci sono anche 200mila euro per il recupero delle aree verdi ciitadine, altri 200mila per la riqualificazione del Parco delle Rimembranze e per il restauro del Sacrario Madonna delle Grazie, 160mila per i nuovi parcheggi nelle frazioni di San Giuliano – Traduerivi – Coldimosso e 110mila euro per la realizzazione e messa in sicurezza di percorsi ciclopedonali in via F.lli Vallero e via Meana. Se davvero entro i prossimi tre anni saranno avviate tutte queste opere, Susa diventerebbe un enorme cantiere.


Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione