SUSA, LA MARCIA DEI 1500 PER SALVARE L’OSPEDALE: “LA REGIONE CI DEVE ASCOLTARE”. IN CORTEO FAMIGLIE E SINDACI: ECCO TUTTE LE FOTO

image

 

 

image

In 1500 per salvare l’ospedale di Susa. Questa mattina cittadini, famiglie e amministratori locali con le fasce tricolori si sono date appuntamento di fronte all’ospedale valsusino per lanciare un messaggio chiaro alla Regione e all’assessore regionale Saitta: “L’ospedale di Susa va salvato, il punto nascite non si tocca”.

La giunta Chiamparino intende sopprimere il punto nascite e nei prossimi anni ridurre i servizi all’interno dell’ormai unico ospedale attivo in Val Susa: negli anni passati ci aveva pensato Cota a trasformare gli ospedali di Avigliana e Giaveno in poliambulatori, e adesso il colpo di grazia sarà attuato dal centrosinistra.

GUARDA LE FOTO DELLA MANIFESTAZIONE

Vari sindaci di alta e bassa Valle, da Oulx fino ad Avigliana, hanno marciato lungo le vie di Susa insieme a mamme, bambini con gli striscioni, famiglie con le carrozzine, cartelli e palloncini rossi: tutti uniti per salvare l’ospedale.

Come consiglieri regionali, gli unici della Valle di Susa presenti alla marcia erano Stefania Batzella e Francesca Frediani, del Movimento 5 Stelle.

“La chiusura del punto nascite di Susa è un danno nei confronti delle mamme e delle donne, che si vedono private di un servizio essenziale per la salute – spiegano dal comitato “Noi abbiamo partorito a Susa”, organizzatore dell’evento – i sindaci presenti alla marcia hanno promesso che si impegneranno per ribadire alla Regione che l’ospedale valsusino va salvato”.

Share Button

One thought on “SUSA, LA MARCIA DEI 1500 PER SALVARE L’OSPEDALE: “LA REGIONE CI DEVE ASCOLTARE”. IN CORTEO FAMIGLIE E SINDACI: ECCO TUTTE LE FOTO

  1. Giovanna

    Gli ospedali sono speranza di vita e non possono essere chiusi come esercizi pubblici. Domanda: Vorrei capire perché quando uno sotto alle chiappe ha un sedile un poco più alto di quello degli altri perde automaticamente il buonsenso.Per qual motivo?…..

    Risposta

Rispondi a Giovanna Annulla risposta