UNIONE DEI COMUNI VIALATTEA TUTTA AL CENTRODESTRA: PRESIDENTE É IL LEGHISTA VALTER MARIN

di FABIO TANZILLI

L’Unione dei Comuni Olimpici della Vialattea, costituita dalle amministrazioni locali di Sestriere, Sauze d’Oulx, Cesana, Pragelato, Claviere e Sauze di Cesana, ha scelto il suo primo presidente. É il sindaco di Sestriere Valter Marin (Lega Nord), regista della nascita di questo nuovo ente, che ha deciso da tempo di staccarsi dal resto dell’Alta Val Susa (Oulx, Bardonecchia, ecc), creando un club a sé. Accomunato, ed appare chiaro già dal nome, per il fatto di essere i Comuni più “ricchi” della Valle di Susa (oltre a Pragelato), che gravitano sul sistema turistico dello sci e degli impianti di risalita della Sestrieres Spa. Giovedì 21 novembre si è tenuta la prima seduta di Consiglio dell’Unione, a Cesana. Durante la riunione, oltre all’elezione di Marin, sono stati anche scelti gli altri componenti della giunta: il sindaco di Claviere Franco Capra é il vicepresidente dell’Unione, mentre i primi cittadini di Cesana e Sauze d’Oulx (rispettivamente Lorenzo Colomb e Mauro Meneguzzi) sono assessori. Il consiglio dell’Unione é formato da tutti i sindaci che fanno parte del nuovo ente: quindi oltre ai già citati Marin, Capra, Colomb e Meneguzzi, ci sono – con il ruolo di consiglieri – anche i primi cittadini di Pragelato (Gianni Arolfo) e Sauze di Cesana (Erwin Strazzabosco). Come rappresentante delle “minoranze” dei vari consigli comunali, é stato eletto invece Maurizio Colli (consigliere comunale a Sauze di Cesana).

L’Unione dei Comuni Olimpici é caratterizzata anche dal fatto di avere un unico colore politico: infatti tutti i componenti del gruppo sono legati o vicini al centrodestra, tra tesserati, sostenitori e simpatizzanti. Oltre al leghista Marin (anche lui ex Pdl), ci sono Capra e Colomb per i partiti Pdl/Forza Italia. Meneguzzi, ex Pdl e già coordinatore di An, é un uomo di fiducia di Ghiglia (ora in Fratelli d’Italia), mentre
Arolfo alle ultime elezioni politiche si é candidato nella lista “Scelta Civica” di Mario Monti. Anche il rappresentante delle minoranze, Maurizio Colli, é uno degli storici rappresentanti della destra in Valle di Susa, avendo militato in varie formazioni (Msi Fiamma Tricolore, ecc.).

Attualmente tale caratteristica può rappresentare un vantaggio a livello regionale, tenendo anche conto che lo stesso Marin é uno degli uomini di fiducia dell’attuale presidente del Piemonte Roberto Cota, e che il centrodestra governa anche in Regione. Ma se le cose dovessero andare male a Torino nei prossimi mesi, per lo scandalo dei rimborsi spese gonfiati e quant’altro, o per la sentenza che arriverà dal tribunale sulla legittimità della vittoria di Cota del 2009 (dopo la condanna della lista di Giovine), questa connotazione politica potrebbe anche rappresentare un boomerang.

Chi acquista ancora maggior peso politico é lo stesso Valter Marin, che entro fine anno si appresta a diventare anche presidente della Fondazione postolimpica XX Marzo: ente che si deve occupare della gestione dei milioni di euro a disposizione del tesoretto olimpico.

20131125-012658.jpg


Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione