VALSUSA, IL LEADER DEI NO TAV PERINO CRITICA I 5 STELLE: “MA IN CHE MANI CI SIAMO MESSI”

Alberto Perino e Beppe Grillo (foto dalla pagina Facebook di Beppe Grillo)

“Ma in che mani ci siamo messi”. La riflessione critica (e sincera) verso i 5 Stelle diffusa via mail da Alberto Perino ai comitati No Tav, diffusa questa mattina dal segretario di Rifondazione Ezio Locatelli sul suo blog, ha suscitato ovviamente clamore. Perino ha poi specificato che non si tratta di una sua presa di distanza dai grillini, ma di una constatazione: “Avrebbero potuto fare molte cose per mettere in difficoltà il sistema Tav e non l’hanno fatto”.

I contenuti della mail inviata dal portavoce dei No Tav hanno fatto il giro del web: “I Sì Tav fanno i fatti, vanno avanti e lanciano gli appalti” mentre “i Cinquestelle continuano a fare sterili proclami invece di fare atti amministrativi”.  Proprio perché, come ha ammesso con franchezza Alberto Perino, “I nostri tecnici hanno suggerito molti modi, ma loro niente. Attendono i risultati dell’analisi costi benefici. Poi quando questa sarà conclusa vedranno cosa fare, se saranno ancora al governo e se esisteranno ancora. In che mani ci siamo messi”.

“E pensare che di cartucce da sparare ne avrebbero tantissime per bloccare gli ingranaggi della grande opera – ha spiegato Perino nella mail – basta volerlo fare. Ma per non disturbare il manovratore (Telt e Lega) queste cose non non vengono fatte da chi è stato mandato a Roma per bloccare la Tav”.

 

Share Button

9 thoughts on “VALSUSA, IL LEADER DEI NO TAV PERINO CRITICA I 5 STELLE: “MA IN CHE MANI CI SIAMO MESSI”

  1. maurizio musio

    Perino, la tav é partita con la gente che avete VOTATO PRIMA, ora mandate su altri a disfare le vostre cazzate, e senza aspettare 1 mese, date giudizi cosi pesanti ?, sai che dico INGRATI, tornate a votare il pd, e pdl..! cosi sarete felici !

    Risposta
  2. peter

    trent’anni di opposizione tecnica sul progetto, basata su dati, analisi, studio dei progetti presentati e rilievo di molti, tantissimi errori (in primis i flussi di traffico ipotizzati), osservazioni di merito su problematiche ambientali e sanitarie, mandati in vacca da ‘sti due fafiouche di Di Maio e Toninelli che tra stampanti 3D e post da bimbominkia su facebook, se stavano zitti facevano più bella figura…Paiasu.

    Risposta
  3. elisabetta

    Insomma, cosa credeva facessero? Anche Variati sindaco col Dal Molin aveva promesso che non.sarebbe andato avanti eppure una volta fatti gli accordi non si sciolgono.Comunque il m5s e’ al Governo e non.e’ detta l’ultima parola e Conte ancora non.si era pronunciato. Ci vuole fede! Altrimenti faranno la ferrovia e al primo botto d’acqua dove si allaghera’ il tunnel per mal funzionamento delle pompe al passaggio del treno..si farà come nel Vajont! Perché dai danno le opere fatte male .E poi si raggiungono Exilles o altri luoghi italiani e le strutture sono ancora lì da decenni e secoli. Ma come si fa !

    Risposta
    1. elisabetta

      C’e’ un errore nel testo intendevo che fanno le opere fatte male. ..

      Risposta
  4. elisabetta

    E comunque nel tempo pur con difficoltà qualcosa e’ migliorato nel tempo….sa lei dove la volevan fare passare a Vicenza la Tav? Tra Monte Berico (dove c’e’ la Chiesa costruita in seguito al l’apparizione della Santa Vergine Maria) e le ville del Palladio. E se avessero proseguito il progetto sarebbe stato il loro più grande errore…tutto il Veneto si sarebbe ribellato. Qui invece non tutto il Piemonte si lamenta questo e’ il grosso problema ! A molti della valle forse non interessa perché il treno non disturba il loro tram tram! Eppure da veneta residente qui sono dispiaciuta perché questa e’ davvero una valle bellissima.

    Risposta
  5. elisabetta

    E’ appena crollato un ponte a Genova il Morandi, vogliono fare la Tav , il ponte sullo stretto e chissà che altro….mentre le strade sono da rifare ponti da controllare e si spendono.soldi per niente! E il ponte sullo stretto su un’area sismica dove l’isola siciliana si sta distanziando dalla Calabria ..e non aggiungo altro.

    Risposta
  6. Mauro Galliano

    E’ sfuggito un piccolo dettaglio:

    Valsusa oggi attribuisce la ” fuga di notizie” relativa a un legittimo pensiero di Perino tramite una email di sicuro non pubblica a un tal Locatelli Ezio ( guarda caso segretario di Rifondazione comunista).

    Negli anni ’80 per pubblicizzare i formaggini mio, pizzaiola e fruttolo si usava una frase molto accattivante:

    ” Locatelli, fa le cose per bene”. Anche in questo contesto , con una vena di ironia e sarcasmo, LOCATELLI ha FATTO LE COSE PER BENE !

    ( questa opinione DEVE essere smentita qualora valsusa oggi avesse preso lucciole per lanterne)

    Risposta
  7. pietro

    Che i pentastellato fossero un partito che bastasse il.consenso promettendo tutto a tutti era palese.
    Che avessero dei curricula diciamo non corroboranti fiducia bastava leggere.
    Che per stare.al.governo si sono offerti al.pd e poi alla lega l abbiamo.visto.tutti.
    Che chiedano.impechment di Mattarella.e poi dopo 3 giorni nulla.fosse come avessero.commentato.un goal del.pipita…
    Insomma che non siano affidabilissimi e coerenti.
    lo si sa.

    Che non avessero grandi competenze ed esperienze nel.mondo del. lavoro anche…

    Quindi.cosa.stupisce …. ?

    La verità è che in Val.Susa chi vuol.governare.e prendere.voti.ci usa.spacciandosi per no tav.

    Risposta

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione