AVIGLIANA, LETTERA DOPO L’INCIDENTE: “INVASA LA NOSTRA CORSIA, MIA MOGLIE E MIA NIPOTE SONO IN OSPEDALE”

di LUCIANO TAVERNA
AVIGLIANA – In riferimento all’incidente del 9 luglio sulla statale 24 ad Avigliana sono l’autista della Fiat Panda. È vero che chi non conosce la dinamica dell’incidente accusa entrambi gli autisti di non rispettare i limiti di velocità, voglio precisare che io procedevo a 40/45 km orari, è l’autista della Volkswagen Polo che ha invaso la mia corsia ad alta velocità con il risultato che ho mia moglie e la mia nipotina ricoverati in ospedale con traumi in tutto il corpo.
Come ho anticipato ai vigili di Avigliana a queste persone dovrebbero ritirare la patente prima che provicano altri incidenti.
Share Button

7 thoughts on “AVIGLIANA, LETTERA DOPO L’INCIDENTE: “INVASA LA NOSTRA CORSIA, MIA MOGLIE E MIA NIPOTE SONO IN OSPEDALE”

  1. elisabetta

    Concordo….e non solo .Dovrebbero fare più controlli anche chi va via in moto.Bella cosa l’autovelox a Susa perché senza ho visto più volte passare il rosso ai semafori, una volta ero in bici e ho sperato dalle strade laterali non uscisse nessuno .

    Risposta
  2. Nitro75

    Essendo il primo ad avere scritto di là, le porgo le mie scuse e la ringrazio di avere precisato l’accaduto, pur avendo ben altri pensieri per la testa. Nel contempo le auguro di riavere presto a casa sua moglie e la vostra nipotina.

    Risposta
  3. Pippo

    Spetterà alle forze dell’ordine stabilire l’esatta dinamica dell’incidente e le responsabilità….

    Risposta
  4. Christian

    Non ho capito la dinamica dell’incidente, il problema, è andavano troppo veloci, oppure uno dei due ha invaso la corsia opposta? Perchè se entrambi vanno ai 1000km/h te si tiene la propria corsia non capita nulla, se invece entrambi vanno ai 50km/h ed uno invade la corsia opposta si fa il frontale, e facendo la somma delle due velocità fa 100km/h e non è poco. Quindi la colpa non è l’alta velocità ma che uno dei due ha invaso la corsia opposta, forse dovuto all’eccessiva velocità, ma non è la velocità la causa, ma l’invasione della corsia opposta se non ho capito male.

    Risposta
  5. gas gas

    Purtroppo queste prepotenze sulle strade sono all’ordine del giorno, e non sempre chi commette quelli che chiamerei “tentati omicidi” viene punito di conseguenza… anni fa siamo stati brutalmente investiti in una galleria al ritorno da una gita. Dei “signori” quarantenni per recarsi in una discoteca percorrevano l’autostrada ad una velocità folle, tra l’altro con un’auto potente di un loro cliente… entrando nella galleria, si sono trovati la nostra auto nella corsia giusta, ma anche l’altra corsia era occupata dall’auto di una ragazza che ci stava superando. Siccome viaggiavano a velocità folle, non sono riusciti a frenare, hanno investito noi e la ragazza che ci superava e sono planati sulle nostre auto finendo penso almeno 300 m più avanti di noi… la nostra auto si è ribaltata etc… quando ho chiesto alle forze dell’ordine se avrebbero ritirato loro la patente, mi è stato risposto che dovevano valutare se guidavano sotto effetto di droga o in stato di ebbrezza, come se invece, se fossero stati sobri fosse loro permesso andare in autostrada a uccidere o tentare di uccidere i passeggeri di altre auto… e non abbiamo nemmeno avuto un risarcimento congruo con i danni causati all’auto e soprattutto alla nostra salute… perciò, si faccia coraggio, quando succedono questi fattacci con persone che purtroppo sono sprezzanti della vita altrui, bisogna reputarsi fortunati quando si va sì in ospedale, ma si è ancora vivi… tanti auguri di pronta guarigione a sua moglie e a sua nipote…

    Risposta
  6. GiulioCheCammina

    Cosa volete insegnare a questa gente? Quante volte ai semafori, mentre aspetti nella unica -ripeto unica- corsia, ti si affianca uno che salta la fila? O supera passando dalla corsia di svolta o da un’isola spartitraffico?
    senza speranza.

    Risposta

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione