CESANA, PICCOLO DI CAPRIOLO FERITO DA UN CANE SENZA GUINZAGLIO: “NON LASCIATELI LIBERI IN MONTAGNA”

Il piccolo di capriolo ferito da un cane nei boschi di Cesana: il padrone l’aveva lasciato libero, senza guinzaglio

MESSAGGIO DEL CENTRO ANIMALI NON CONVENZIONALI DI GRUGLIASCO (CANC – OSPEDALE VETERINARIO)

CESANA – È un’immagine triste, molto, che preferiremmo non pubblicare, ma vorremmo far capire cosa capita a lasciare liberi in montagna i cani. Giustamente abbiamo gioia nel vedere il nostro cane correre libero nei verdi prati montani dopo mesi di città…purtroppo il cane è un predatore e per istinto insegue e cattura la preda più facile e debole, che in questa stagione é il capriolino di pochi mesi nelle sue prime passeggiate dietro la mamma.

Il cane non ne può nulla, tocca all’intelligenza della sua famiglia umana fare in modo che non accada l’irreparabile.

Le ferite aggiunte allo stress non ci consentono quasi mai di salvarli…anche questo cucciolo, che arrivava dalla zona di Cesana, ha una brutta frattura ad una zampina. Proveremo a curarlo e se ce la farà sarà molto fortunato perché la signora che ce lo ha portato ha fatto 100 km per venire da noi.

Ma non sempre si verificano queste coincidenze!

Ricordiamocelo la prossima volta che andiamo in montagna con il nostro compagno a quattro zampe!

Share Button

7 thoughts on “CESANA, PICCOLO DI CAPRIOLO FERITO DA UN CANE SENZA GUINZAGLIO: “NON LASCIATELI LIBERI IN MONTAGNA”

  1. carlo alberto solero

    Fatelo con le patate…è uno spettacolo!

    Risposta
    1. Gwen

      …commento degno di persona senza cuore e ignorante. Ho un cane e non vorrei mai che facesse una cosa simile. Per non stare a commentare 2 volte, anche chi auspica polpette avvelenate per i cani mette in mostra il suo sottosviluppo mentale…speriamo che una polpetta per sbaglio non se la infili nel suo piatto, magari capirebbe l’effetto che fa! La colpa non è degli animali, ma di persone ignoranti e senza un briciolo di pietà, meglio le bestie un milione di volte!

      Risposta
      1. Eleonora

        Ciao sono d accordo le polpette le farei mangiare a chi le mette

        Risposta
  2. GABRIELE SELVAGGIO

    Adesso capisco perché qualcuno sparge polpette crude avelenate nei giardinetti
    Dispiace ma certe notizie non andrebbero pubblicate propio per non darle onore ai padroni dei cani.

    Risposta
    1. Noemi

      Chi sparge polpette avvelenate è un delinquente. Spiace per il povero capriolo, speriamo si salvi.

      Risposta
      1. Sonia

        Purtroppo no, è stato soppresso…. che tristezza, l’ho portato già sperando ve la facesse, ma la legge dice che se non recuperano al cento per cento devono essere soppressi

        Risposta
  3. Eleonora

    Penso che i cani che io amo con tutta me stessa vadano tenuti al guinzaglio magari lungo per non nuocere ad altri animali e anche non rischiare per se stessi

    Risposta

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione