VAIE, TENTA DI RUBARE IL CELLULARE A UNA BAMBINA DI 11 ANNI: INDAGANO I CARABINIERI

VAIE – I carabinieri sono alla ricerca di un ragazzo straniero, probabilmente africano, che alcuni giorni fa ha tentato di rubare il cellulare a una bambina di 11 anni che frequenta la prima media. I fatti sono avvenuti il 1° novembre, intorno alle 12, vicino al bar pizzeria Patrick in via I Maggio. Il giovane si è avvicinato alla minorenne, provando a portarle via il telefonino che aveva in mano (un Samsung Galaxy S3). Dopo averle fatto cadere il telefono, nel tentativo di strapparglielo da dosso, la bambina si è messa a urlare ed l’uomo si è allontanato. Nel frattempo sul posto è arrivato anche il fratello più grande. La mamma ha fatto denuncia ai carabinieri: sul fatto indagano i carabinieri di Borgone Susa.

Secondo le informazioni fornite alle forze dell’ordine, il giovane ricercato ha un’età tra i 20/25 anni e sarebbe alto 1,75 m, di carnagione scura.

Share Button

16 thoughts on “VAIE, TENTA DI RUBARE IL CELLULARE A UNA BAMBINA DI 11 ANNI: INDAGANO I CARABINIERI

    1. Tippete

      Concordo pienamente!! A 11 anni sono già istupiditi da what up, facebook etc… e magari incontrano sul web persone ben più pericolose di un ladro, ma di quello i genitori non si preoccupano… Ovviamente tutto questo non giustifica un furto, chi ruba deve capire che è sbagliato, ma anche i genitori moderni dovrebbero capire che dare un cellulare collegato ad internet a dei bambini è molto pericoloso…

      Risposta
    2. Giuseppe

      Beh mi sembra giusto che uno arrivi e te lo freghi no?

      Risposta
  1. Giorgio

    Persino in paesi dove ci sono 4 case e una strada succedono questi fatti dove andremmo a finire… Salvini Pensaci tu!

    Risposta
  2. Giuljova

    Da cosa si è capito che probabilmente è africano?
    Non esistono italiani scuri di pelle?

    Risposta
  3. mamma lavoratrice

    Perchè tutti si preoccupano di criticare e basta? i giovani non usano solo wath up come lo chiami tu o facebook. i giovani usano anche i libri di scuola, fanno sport, vanno a musica, fanno mille attività, magari aiutano in casa o si occupano di un nonno che non sta bene, usano sì anche il telefono, ma riescono a fare un sacco di cose, direi che sono molto più bravi di come eravamo noi . se un ragazzino ha il telefono magari è perchè la sua mamma lavora e così è più tranquilla sapendo che può contattarlo. magari a noi non serviva perchè le nostre mamme erano casalinghe. la vita è un po’ cambiata…..poi se vogliamo fare i moralisti…

    Risposta
  4. Buonista accoglione

    Ladro colorato? Calci in culo e a casa sua !

    Risposta
    1. Roberts Galli

      A casa sua a calci davanti e dietro. Lella

      Risposta
    1. Tippete

      Chiamiamolo pure così, il risultato non cambia, ci sono ragazzine che a 14 anni pubblicano le loro foto mezze nude perchè tanto dopo 24 ore non ci sono più, bella moralità!! I ragazzini di oggi fanno di più? Ma non diciamo fesserie, una volta molti ragazzi, quando tornavano da scuola, andavano a lavorare in campagna, oggi, i più, li incontri in giro sempre “connessi” con non si sa chi, finiscono persino sotto le automobili perchè non guardano dove vanno e i loro modelli ispiratori sono giovani che si ammazzano per farsi un selfie! Bene ha fatto la Francia, che ha vietato i cellulari a scuola, lì si studia, non si messaggia sui social! E ripeto, tutto ciò non giustifica i furti naturalmente.

      Risposta
  5. Tino

    Dovevate proprio specificare che fosse uno straniero? Pure nel titolo principale??

    Risposta
  6. Non li sopporto piu' i bipedi umani

    C’È ne di Italiani di pelle scura..e Africani di pelle chiara

    Risposta
  7. Marco

    Quanti furti dovranno fare persone di colore x arrivare a 49 milioni rubati dalla lega di salvini? Fatto accertato e condanna emessa…

    Risposta

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione