A BUTTIGLIERA ALTA DUE “GIARDINI DEI GIUSTI” DEDICATI A IRENA SENDLER

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dal COMUNE DI BUTTIGLIERA ALTA

BUTTIGLIERA ALTA – In occasione della “Giornata europea dei Giusti”, l’Amministrazione Comunale di Buttigliera Alta e l’Istituto Comprensivo cittadino hanno celebrato la ricorrenza istituita dal Parlamento Europeo nel 2012 e recepita dal Parlamento italiano nel 2017.

Intenzione, proposta dall’Istituto Comprensivo a cui ha aderito l’Amministrazione, concretizzata lo scorso venerdì 5 marzo, vigilia della data stabilita dalle Istituzioni comunitarie e nazionali, in quanto coincidente con la scomparsa di Moshe Bejski, l’uomo che ha animato il “Giardino dei Giusti” dello Yad Vashem in Israele.

Durante la mattinata, dedicata agli alunni delle scuole e aperta a tutta la cittadinanza, il Sindaco Alfredo Cimarella ha intitolato i giardini dei due plessi scolastici di Capoluogo e Ferriera a Irena Sendler: una dei Giusti, ricordata anche al Memoriale dello Yad Vashem.

Irena Sendler era un’infermiera polacca che, durante la Seconda Guerra Mondiale e l’occupazione nazista del suo paese, riuscì a salvare, insieme ad altri membri della Resistenza polacca, 2.500 bambini ebrei del ghetto di Varsavia, fornendo loro documenti falsi, per fuggire all’arresto e alla deportazione nei campi di sterminio. Nell’ottobre del 1943, Irena venne arrestata e sottoposta a pesanti torture, subendo la frattura delle gambe, tanto che rimase inferma a vita. Condannata a morte, venne salvata dalla rete della Resistenza. Nel 1965, venne riconosciuta dallo Yad Vashem come “Giusta tra le nazioni” e nel 2007 fu riconosciuta eroe nazionale polacco.

A questa donna eroica, sono stati intitolati i due giardini all’ingresso del plesso della primaria
“Anna Maria Brizio” di corso Laghi e della secondaria “Giacomo Jaquerio” di via dei Comuni, con due cerimonie simili, alla presenza, oltre che del Sindaco Cimarella, della Vicesindaca Laura Saccenti, della Dirigente Scolastica Gabriella Parente, di genitori e testimoni che hanno collaborato al progetto.

Progetto avviato lo scorso anno, con la prima inaugurazione del 6 marzo 2020 slittata per il lock down in corso, e portato a compimento in questo 2021. Le due cerimonie, tenute nel rispetto delle normative sulla prevenzione della diffusione dell’epidemia da Covid-19, hanno visto protagonisti gli alunni della quinta classe della primaria “Brizio” e “Collodi” e della terza classe della secondaria “Jaquerio”.

Interventi musicali, testimonianze e soprattutto la ripresa dei simboli legati all’esperienza eroica di Irena Sendler: il cappellino da infermiera, il sacco di iuta nel quale nascondeva i bambini portati in salvo e i barattoli di vetro con i riferimenti delle famiglie di origine che nascondeva nella speranza di poterli ricongiungere ai parenti.

“È con grande piacere che l’Amministrazione Comunale sostiene questa iniziativa, patrocinandola e contribuendovi economicamente, portando anche sul nostro territorio l’intenzione voluta dall’Unione Europa e dal Parlamento Italiano. Anche Buttigliera ha ora due “Giardini dei Giusti” dedicati a una figura emblematica con quella di Irena Sendler” il commento del Sindaco, Alfedo Cimarella. “Iniziative rivolte ovviamente a tutta la nostra cittadinanza, ma pensate in particolare per i giovani, grazie alla sempre fondamentale e preziosa collaborazione con le nostre scuole”.

Continua Cimarella: “Riteniamo sia uno dei compiti fondamentali di tutte le Istituzioni Pubbliche, a iniziare da quelle più a contatto con i cittadini, offrire ai giovani occasioni di riflessione su concetti fondamentali e su figure esemplari, come quelle dei Giusti. Intenzione che la nostra amministrazione persegue tanto nel filone dell’educazione alla legalità quanto dell’educazione ambientale. L’intitolazione dei nostri giardini scolastici alla Giusta Irena Sendler, infatti, è solo l’ultimo di una serie di progetti, che portano nelle classi i simboli della convivenza civile. Il cippo a Irena Sendler, al plesso Collodi, si affianca al salone Annalisa Durante”.

“La figura di Irena Sendler è per noi doppiamente emblematica” riprende la Viceaindaca Laura Saccenti, Assessora alle Politiche Educative e alle Pari Opportunità. “Oltre a onorare, con le nostre scuole, la figura di una Giusta, celebriamo, nel mese dell’8 marzo, una donna e un’operatrice sanitaria straordinaria che ha salvato migliaia di vite. Figura perfettamente calzante con quella che, come Amministrazione, abbiamo scelto per il mese in rosa 2021: l’operatrice sanitaria che, in piena pandemia, salva vite, mettendo in pericolo la propria”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

2 COMMENTI

  1. Invece di sprecare soldi forse sarebbe meglio dotare le scuole di termoscanner!!!!!!! In questo momento con difficoltà enorme a mantenere i parametri da rispettare in materia di igiene e sanità pubblica…….troppo difficile i narcisi sono sempre al lavoro………..

Rispondi a Foibe Annulla risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.