A CONDOVE SI PARLA DI ALZHEIMER CON LA ONLUS “PASSO DOPO PASSO”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

CONDOVE – L’Alzheimer, come ogni malattia, fa molta paura e la scienza medica sta cercando di combatterla con insistenza, sperimentando dei metodi validi per contrastarla con maggiore anticipo.

La demenza di Alzheimer ha, in genere, un inizio subdolo: le persone cominciano a dimenticare alcune cose, per arrivare al punto in cui non riescono più a riconoscere nemmeno i familiari e hanno bisogno di aiuto anche per le attività quotidiane più semplici. Ecco perché anche in Valsusa ci sono delle persone che si preoccupano di queste circostanze e vogliono mettere a disposizione di tutta la comunità le loro conoscenze , perché come dicono loro “la memoria è vita“. Sono gli esperti della Cooperativa Sociale Passo dopo Passo Onlus e novembre per loro vuol dire formazione. Da ricordare infatti il convegno che si terrà proprio questo sabato a Torino, in collaborazione con l’Asl To3, dal titolo “Oltre la diagnosi c’è la vita” (clicca qui per saperne di più).

Il prossimo appuntamento è previsto per mercoledì 21 novembre, questa volta a Condove: dalle 18 alle 21 si prenderanno in considerazione i vari aspetti che caratterizzano l’Alzheimer e le demenze, come trattarle soprattutto per ritardarne il peggioramento.

Ormai è noto che l’Alzheimer è la forma più comune di demenza senile, uno stato provocato da una alterazione delle funzioni cerebrali che implica serie difficoltà per il paziente nel condurre le normali attività quotidiane. La malattia colpisce la memoria e le funzioni cognitive, si ripercuote sulla capacità di parlare e di pensare, ma può causare anche altri problemi fra cui stati di confusione, cambiamenti di umore e disorientamento spazio-temporale.

La Cooperativa Sociale Passo dopo Passo Onlus vi aspetta mercoledì 21 novembre, il ciclo di serate InFormazione continua!

Info e prenotazioni: passodopopasso.info@gmail.com / 3917561866

(Informazione pubblicitaria a cura della New Press)

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.