A GIAVENO LA SALA MUSEALE DEDICATA AD ALESSANDRI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dalla CITTÀ DI GIAVENO

GIAVENO – Nella mattina di domenica 12 maggio, alle ore 11 presso il Parco Comunale di Palazzo Marchini, sede del Municipio di Giaveno, avrà luogo la cerimonia di inaugurazione della sala museale dedicata all’artista piemontese Lorenzo Alessandri e della mostra temporanea delle opere della Donazione Dina Foppa fatta alla Città di Giaveno.

Nato nel 1927 e scomparso nel 2000, il noto pittore torinese per oltre cinquant’anni ha vissuto e lavorato a Giaveno. Dopo l’atto della Donazione Foppa, siglato nel 2012, l’Amministrazione Comunale evidenzia la personalità dell’artista e la sua opera, riqualificando l’edificio scolastico Anna Frank, nel cuore del centro storico della città, ricordando così il pittore fantastico e surreale che animò Torino con le sue fantasie e visioni.

La manifestazione alla presenza delle autorità vedrà gli interventi della curatrice Concetta Leto e del critico Vittorio Sgarbi. Al termine, la cerimonia si sposterà presso l’ex scuola, nel Centro Storico, in via XX Settembre per il taglio del nastro. I locali dell’ex palestra scolastica sono stati completamente rinnovati grazie ad un progetto di lavori voluto dall’Amministrazione Comunale e finanziato da questa per realizzare l’impegno preso dalla Città di Giaveno per rendere omaggio ad Alessandri.

L’ex palestra, ora sala espositiva, ospiterà le opere della Donazione Dina Foppa. Per un’intera settimana, dal 13 fino al 19 maggio, sarà possibile visitare la mostra temporanea allestita con cinquanta opere della donazione. I dipinti selezionati comprendono l’intero percorso artistico di Alessandri, dal periodo della Soffitta Macabra a quello del gruppo Surfanta, dai Posti a quello delle Camere dell’Hotel Surfanta.

Il Museo Alessandri, però, aprirà i battenti in modo definitivo a conclusione dei lavori nell’autunno prossimo. Sarà possibile ammirare oltre ai dipinti, anche alcune acqueforti e disegni a matita. Il percorso è arricchito dalla ricostruzione simbolica dell’atelier del pittore e dalla visione di un video che ricostruisce sinteticamente la vita dell’artista.

Così ha chiosato Sgarbi, parlando di Alessandri, nel suo secondo volume sul Novecento Italiano, edito da La nave di Teseo: “La sua fantasia è macabra e sfrenata. Come pochi artisti dopo Bosch, Alessandri ci racconta le sue ossessioni in descrizioni mostruose e straordinarie. Inventando situazioni ed episodi impensabili, comici e tragici, Alessandri libera e descrive i suoi incubi e i suoi turbamenti, spesso in forma di tormenti, e si candida a primo surrealista italiano“.

La partecipazione all’evento è libera e gratuita. La mostra allestita sarà nella sede di via XX Settembre. Il Museo Alessandri è visitabile al pubblico dal 13 fino al 17 maggio nel seguente orario: dalle ore 14.30 alle 20 mentre invece sabato 18 e domenica 19 maggio dalle 9 alle 20 con orario continuato.

Per maggiori informazioni è possibile contattare i numeri telefonici dell’Ufficio Turistico Comunale in piazza San Lorenzo (339-8468055 e 011-9374053) oppure visitare il sito www.comune.giaveno.to.it.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.