A SAN GIORIO IN ANTEPRIMA IL NUOVO ATLANTE DEL PIEMONTE MONTANO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

Sabato 12 aprile alle 16.30 nella sala consigliare di San Giorio di Susa avrà luogo la presentazione del 42° volume della collana Atlante Toponomastico del Piemonte Montano (ATPM) dedicato a San Giorio di Susa. Dopo i saluti del sindaco di San Giorio Danilo Bar e del commissario dell’Ente di Gestione delle Aree Protette delle Alpi Cozie Stefano Daverio, l’incontro entrerà nel vivo con l’ introduzione sul metodo di ricerca ATPM e la relazione sul caso di San Giorio a cura di Federica Cusan, ricercatrice dell’Università di Torino. Si assisterà quindi all’interessante presentazione dell’inchiesta toponomastica condotta da Elio Giuliano e da Eleonora Girodo che ha consentito di rilevare, mediante il ricorso a sole fonti orali, i nomi che i sangioriesi hanno dato nel corso del tempo a piccoli e grandi luoghi (macro e microtoponimi) di loro interesse. La giornata proseguirà con la videoproiezione del documentario “Addio e tante belle cose”: racconti e la memoria del passato attraverso la Counta dle Bourjà realizzato da Roberto Gagnor. Dal 1983 il progetto dell’Atlante Toponomastico del Piemonte Montano (ATPM) è impegnato nella tutela dell’originale patrimonio toponimico di tradizione orale della montagna piemontese con la finalità di salvarlo dalla scomparsa, prima che se ne perda la memoria e la possibilità di documentarlo, nonché di valorizzarlo restituendolo nella forma in cui esso è ancora in uso. Il progetto di ricerca (ideato nel 1970 dal professor Arturo Genre e dal 1997 diretto dal professor Lorenzo Massobrio) è promosso e sostenuto dalla Regione Piemonte (assessorato alla Cultura) e gestito operativamente dall’Università degli Studi di Torino (Dipartimento di Scienze del Linguaggio e Letterature Moderne e Comparate).

Domenica 13 aprile è, invece, in programma una passeggiata toponomastica a cura del guardiaparco Elio Giuliano. La partenza è fissata per le ore 9 dall’Adret e si attraverseranno le località Pois, Arbroun e Traver d’Amoun. Pranzo al sacco e rientro previsto all’Adret intorno alle 15.

“Siamo orgogliosi di aver visto stampare questa pubblicazione nel nostro mandato – spiega il vicesindaco Luca Giai – grazie alle cartine allegate al volume, l’idea è quella di creare dei percorsi di conoscenza del territorio, sull’esempio di quello che faremo con Elio Giuliano nelle borgate tra Adrit e Travers a mont”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.