A SUSA “UN GIOCO PER TUTTI” PER AIUTARE LE FAMIGLIE BISOGNOSE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dalla CITTÀ DI SUSA

SUSA – La Fondazione Don Piardi e l’Associazione I Fiori del Mandorlo in collaborazione e con il patrocinio di Città di Susa lanciano l’operazione sociale denominata “Un gioco per tutti”. Il progetto punta ad offrire alle famiglie in difficoltà della città pacchi alimentari con doni per i più piccoli per il Natale.

Dal Fondo Don Piardi e I fiori del Mandorlo: “È davvero un onore collaborare e condividere iniziative con altre associazioni, soprattutto in questo momento storico dove ci si sente un po’ inutili e un po’ soli. Il nostro abbraccio virtuale (e quando sarà possibile reale) va a tutte le persone che soffrono, che sono in difficoltà seppur silenziosamente. Come per il Progetto degli zaini di settembre, l’intento è quello di aggiungere una goccia di fiducia e di gioia a tanti bimbi e a famiglie in difficoltà. Grazie di cuore ovviamente al Gruppo Caritas di Susa che farà la distribuzione dei doni con il pacco alimentare”.

Le parole di Cinzia Valerio Assessore alle Politiche Sociali della Città di Susa: “Anche quest’anno arriverà il Natale e sicuramente sarà diverso da tutti gli altri. Stiamo facendo tanti sacrifici per riuscire a non abbatterci in questo difficile momento, sperando di tornare presto alla normalità. I bambini stanno pagando un prezzo molto alto e alcuni di loro ancora di più. Iniziative come questa ci aiutano ad essere vicini proprio a chi vive accanto a noi e che magari in silenzio vive situazioni di grande difficoltà. Conservare per loro la magia del Natale è un dovere di tutti noi. Grazie all’Associazione Don Piardi e ai Fiori del Mandorlo che con questa bella iniziativa regaleranno un dono ai nostri bambini. La solidarietà va sempre premiata e in periodi come questi la dedizione e il pensiero dei nostri volontari vanno ancora di più sostenuti e accompagnati. Arriverà il Natale e grazie a loro per molti bambini sarà più gioioso e un po’ meno triste”.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.