ALMESE, DOPO 30 ANNI ADDIO A ZOPPELLARO, IL MITICO BENZINAIO ENI: “ME NE VADO IN SPAGNA, QUI IN ITALIA C’E’ TROPPA BUROCRAZIA E NON CI FANNO LAVORARE”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

 

foto (5)

di MARIO RAIMONDO

E’ proprio vero: tutto quel che ha un inizio, prima o poi avrà una fine, dovuta alle contingenze del cambiamento. Così è per il distributore dell’ENI, sulla Via Circonvallazione.

La famiglia di Gianluca Zoppellaro cede il testimone dopo quasi trent’anni di attività. Cinque lustri ed oltre (praticamente 27 anni di gestione ininterrotta) volati via come in un attimo, ora che ci si può fermare e voltare lo sguardo all’indietro.

“Quando mio padre Gianni con mia mamma Giovanna Simoni – ricorda Gianluca Zoppellaro – rilevarono questa attività il logo era della ESSO, per passare poi all’IP, all’AGIP ed infine all’ENI. Il gasolio molti lo chiamavano ancora nafta, esisteva la super e la normale con la quale si faceva la miscela per i motori a due tempi e la benzina verde era solo ancora un nome.”

GUARDA LA FOTOGALLRY

 

Erano i mitici Anni Ottanta dello scorso secolo, che galoppavano verso il loro crepuscolo, alba di quel decennio che avrebbe portato all’incredibile 2000, una data simbolo che sembrava non dovesse mai arrivare perché aveva il fascino di un mito… e che invece è arrivata in un amen ed è svanita terribilmente in fretta… L’auto più popolare allora era la Fiat Uno e la serie di Rambo, al cinema, faceva a pugni con la serie di Rocky per presentare quel semplice, vincente e muscoloso ottimismo dell’America reaganiana. La benzina mediamente veleggiava sulle 1300 /1500 Lire: sembrava cara ma mai avrebbe fatto immaginare i prezzi del futuro…

“Dopo tutti questi anni – chiosa Zoppellaro – lascio una quasi tradizione di famiglia. Ma sono stanco, onestamente mi ha anche stancato tutta questa burocrazia sempre più complicata, fatta di codici e codicilli, cavilli da ‘mal di testa’ e fiscalità esosa che rende complessa la vita dei piccoli imprenditori italiani. Tant’è che mi trasferirò in Spagna, a Gran Canaria, dove con un socio ed amico ci dedicheremo al settore della ristorazione.”

Un vero cambio ex novo di vita e di attività per Gianluca. Ora a febbraio lascerà il distributore a Luca Basso, il nuovo gestore, che con l’entusiasmo dei neofiti si propone di mandare avanti un’attività storica della Via Circonvallazione. Così ad Almese il cane a sei zampe dell’ENI continuerà per la sua strada(…)

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

  1. Mah… Io sapevo che il punto vendita è in razionalizzazione e l ‘ eni lo dovrebbe chiudere entro il 2015. Per cui… Una bella “sola” per chi è entrato

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.