ALMESE, IL 23 CONCERTO DI NATALE CON IL CORO MATER ECCLESIAE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

image
ALMESE – Mercoledì 23 dicembre alle ore 21 nella chiesa parrocchiale di Almese, si rinnoverà il tradizionale appuntamento con “Musica di Natale”, il concerto natalizio proposto dal coro polifonico “Mater Ecclesiae” in collaborazione con il Comune di Almese, la Fondazione Magnetto, la Finder e con il patrocinio di Organalia.
Al coro, diretto da Silvano Bertolo, si uniranno l’organista Roberto Bertero, i soprani Miyuki Hayakawa e Rita La Vecchia, il mezzosoprano Angelica Buzzolan, il contralto Roberta Garelli e il basso Ignazio de Simone.
Gli ottoni saranno invece quelli del complesso “CanavèisanBrass”, un nutrito gruppo di giovani musicisti diretti da Ercole Ceretta, trombettista dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI.

image

Il programma prevede, tra l’altro, brani per coro a cappella di Croce e di Poulenc, alcuni estratti dal Weihnachts-Oratorium di Bach e dal Messiah di Haendel, un brano giapponese e numerosi Christmas Carols della tradizione inglese. Il complesso di ottoni e l’organo eseguiranno una trascrizione di alcune pagine dei Quadri di un’esposizione di Musorgskij e una suite natalizia.
L’ingresso è libero.

Per informazioni
Chiara Bertolo: 011.9350304 – chiara.bertolo@gmail.com
www.coroalmese.org

Segue il programma completo.
“Musica di Natale 2015” – Mercoledì 23 dicembre 2015 – Chiesa Parrocchiale di Almese – ore 21

Giovanni CROCE​-​Cantate Domino (coro a cappella)

Marco PENT​-​Ninna, nanna, Bambin Gesù (soprano, coro e organo)

Johann Sebastian BACH​-​Da Weihnachts-Oratorium BWV 248

​Groβer Herr, o starker König (basso, tromba e organo)

​Ach, mein herzliebes Jesulein (coro e organo)

Georg Friedrich HAENDEL​-​Da Messiah HWV 56

​For unto us a Child is born (coro)

​He shall feed his flock (soprano, contralto e organo)

Francis POULENC​-​O magnum mysterium (coro a cappella)

Pierre COCHEREAU​-​Gigue (organo)

Youmi KIMURA​-​Sekai no Yakusoku (soprano, coro e organo)

Tradiz. piemontese (arr. Sinigaglia)​-​Ninna, nanna di Gesù Bambino (coro a cappella)

John RUTTER​-​The Lord bless you and keep you (coro e organo)

Modest MUSORGSKIJ​-​Da Quadri di un’esposizione (ottoni e organo)

​Promenade – Il vecchio castello – Promenade – Bidlo
​Baba-yaga – La grande porta di Kiev

Adolphe ADAM​-​Cantique de Noël (contralto, coro e organo)

Tradizionale (arr. D. Fiorio)​-​Christmas Symphony (ottoni)

Irving BERLIN (arr. D. Fiorio)​-​White Christmas (ottoni)

John GAUNTLETT (arr. Willcocks)​-​Once in royal David’s city (soprano, coro, ottoni e organo)

John JOUBERT​-​Torches (coro, ottoni e organo)

Tradiz. inglese (arr. Willcocks)​-​The first Nowell (coro, ottoni e organo)

Tradiz. inglese (arr. Willcocks)​-​Unto us is born a Son (coro, ottoni e organo)

Felix MENDELSSOHN (arr. Willcocks)​-​Hark! The herald angels sing (coro, ottoni e organo)

Miyuki Hayakawa, nata a Nagoya (Giappone), nel 1988 ha conseguito il Bachelor in arte con specializzazione in musica vocale presso la Facoltà d’Arte di Aichi. Nel 1989 ha partecipato al Corso di perfezionamento in canto lirico tenuto dal maestro Ferro all’Accademia Musicale Chigiana di Siena. Si è poi trasferita in Italia, perfezionandosi in canto lirico presso il Liceo musicale “Viotti” di Vercelli, con il maestro Protti. Svolge intensa attività concertistica nel repertorio lirico, sacro e cameristico. Interpreta ruoli di primo piano nel teatro d’operetta, esibendosi in prestigiosi teatri, tra i quali il Metropolitan di Catania, il Donizetti di Bergamo, il Carignano di Torino. Insegna canto lirico presso l’Istituto Civico di Musica di Cossato (Biella).

Rita La Vecchia si è diplomata in canto al Conservatorio di Genova. Ha cantato come solista in numerosi concerti, tra i quali: Dante Symphonie R 426 diretto dal maestro Rath con l’Orchestra Rai di Torino; Carmina Burana di Carl Orff e i mottetti di Mendelssohn con il Coro del Teatro Regio di Torino per “Piemonte in Musica”. Si è esibita in Lucia di Lammermoor, Rigoletto, Traviata, e L’elisir d’amore. Ha seguito corsi di perfezionamento con i maestri Zedda, Celletti, Alfredo Kraus e con il soprano Rosetta Noli.

Angelica Buzzolan ha iniziato dedicandosi allo studio del violoncello nella classe di Renzo Brancaleon al Conservatorio di Torino, dove si è poi diplomata in canto con Luisella Ciaffi. Nel 1995 si è diplomata alla Scuola per attori del Teatro Stabile di Torino con Luca Ronconi. Ha vinto il Concorso internazionale di Rovereto ed è risultata idonea al Concorso internazionale As.Li.Co. debuttando come solista nel Don Chisciotte di Massenet, Il Flauto Magico e Le nozze di Figaro di Mozart e in Le Comte Ory di Rossini. Fa parte dell’Ensemble Cameristico di Torino e collabora con la Compagnia teatrale “Envers Teatro”. Nel 2003 ha vinto il Concorso per artisti del Coro del Teatro Regio di Torino.

Roberta Garelli si è diplomata in canto a Cuneo, presso la sezione distaccata del Conservatorio di Torino, sotto la guida di Luisella Ciaffi. Nel dicembre 1988 ha vinto il Concorso per artisti del Coro del Teatro Regio di Torino. Ha eseguito Dido and Aeneas di Purcell al Festival del Mediterraneo di Tunisi per la X edizione delle “Journées Théatrales de Carthage”, in collaborazione con la compagnia d’ombre “Controluce” di Torino. Collabora con il Coro Filarmonico del Teatro alla Scala di Milano e ha fondato il sestetto vocale femminile “Chants des Femmes Nouvelles”. Al Teatro Regio di Torino ha cantato nel ruolo di Kate Pinkerton in Madama Butterfly, nelle stagioni 2010-11 e 2011-12, e nel 2013 ha partecipato allo spettacolo Barok ’n’ roll.

Ignazio de Simone, diplomato in corno presso il Conservatorio di Alessandria, ha poi studiato come basso e come baritono. È stato solista nel Barbiere di Siviglia, La Bohème, I pagliacci, Nabucco e Falstaff. Karen Saillant, dell’Int’l Opera Theatre di Philadelphia, lo ha invitato per due prime mondiali: Jago di C. Pedini, sequel dell’Otello verdiano, e La Bisbetica di E. Amaya, tratta da William Shakespeare. Si dedica anche al teatro e alle improvvisazioni ispirate all’opera e alla canzone d’autore su accompagnamento di musica elettronica.

Roberto Bertero si è diplomato con il massimo dei voti in organo e composizione organistica presso il Conservatorio di Torino e si è perfezionato con Michael Radulescu e Jean Guillou. Svolge un’intensa attività concertistica in tutto il mondo. È organista titolare al Santuario della Consolata in Torino e docente di organo presso la Scuola Civica del capoluogo piemontese. Dal 1994 collabora con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai. Incide per Syrius, BNL e Priory Records; per quest’ultima al celebre organo Van den Heuvel di Saint-Eustache a Parigi, per la collana “Great European Organs”.

Il Coro Polifonico Mater Ecclesiae di Almese è nato nell’ottobre del 1979. Silvano Bertolo ne è stato il promotore e tuttora lo dirige, coadiuvato da Giuliana Bertolo.
Il coro propone brani di polifonia classica e musica del XVIII e del XIX secolo. Particolarmente ricco il repertorio legato ai tempi forti della liturgia: l’Avvento, il Natale e la Settimana Santa. Negli ultimi anni si è dedicato allo studio di grandi opere, come i Requiem di Mozart e di Faurè, il Gloria e il Magnificat di Vivaldi, la Sinfonia Lobgesang di Mendelssohn. Ha cantato all’Auditorium Rai di Torino, al Teatro Carignano, al Piccolo Regio, al Conservatorio “G. Verdi” e in numerose chiese piemontesi. Tra le mete più lontane: la cattedrale di Notre-Dame a Parigi, Monaco di Baviera, Annecy e Salisburgo. Ha partecipato, con la Cappella Sistina, alle celebrazioni di papa Benedetto XVI per il Capodanno 2013 nella Basilica di San Pietro in Roma.

Il complesso di ottoni e percussioni CanavèisanBrass, nato nel 2011 con l’intento di promuovere la conoscenza della musica per ottoni, è composto da giovani musicisti diretti da Ercole Ceretta, trombettista dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI. Esegue brani classici o tradizionali, ma soprattutto è alla ricerca di un repertorio, a volte incentrato su ritmi, a volte su concetti melodici e armonici, che offra un impatto sonoro originale. Il gruppo ha inciso, in prima mondiale, un CD di musiche di Kjell Mork Karlsen per ottoni e organo, edito dalla casa discografica “Elegia Record”. Il disco è stato presentato con grande successo il 26 dicembre 2013 presso il Conservatorio di Torino nell’ambito della stagione di “Organalia”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.