ALPI COZIE, ECCO I RIFUGI E BIVACCHI CHIUSI PER COVID

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dall’ENTE DI GESTIONE DEI PARCHI DELLE ALPI COZIE

SALBERTRAND – In seguito all’emergenza sanitaria da Coronavirus, per l’evidente impossibilità di mantenere le regole di distanziamento sociale e di controllo sanitario delle strutture, è stata disposta la chiusura dei rifugi non gestiti, bivacchi e aree di sosta coperte all’interno dei Parchi Alpi Cozie.

Pertanto, fino al termine dell’emergenza sanitaria da Covid-19, il rifugio non gestito del Beth, il rifugio non gestito del Col Clapis, il bivacco del Beth “Piero Villot”, il rifugio non gestito all’Alpe Orsiera, il bivacco del Lago Laus e l’area di sosta coperta del Jouglard saranno chiusi.

L’ente approfitterà del periodo di fermo per provvedere a lavori e sostituzioni di arredi e materiali ai fini dell’adeguamento alla normativa antincendio.

Determinazione Dirigenziale n.121 del 04/06/2020 “Emergenza Sanitaria Virus Covid-19. Chiusura rifugi non gestiti, bibvacchi e aree di sosta coperte”.

dd-2020-00121-00017

 

 
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

3 COMMENTI

  1. Ma i bivacchi servono per dare un riparo di emergenza in caso ad es di itemperie, o per organizzare ammucchiate in montagna?

    • Forse qualcuno li usa per bivaccare in montagna risparmiando la tenda o i costo del rifugio. In alta val Susa ne hanno costruiti di nuovi ad es quello alla Dormillouse, un vero obbrobrio in cima alla montagna. Tutte scuse per bivaccare in montagna. A volte basterebbe una tettoia con tre pareti per ripararsi dallo stravento.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.