ALPIGNANO, IL PD FUORI DAL CONSIGLIO COMUNALE: VOERZIO E MAZZA CREANO IL GRUPPO MISTO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di PINO SCARFÓ

ALPIGNANO – Roberto Voerzio e Renato Mazza lasciano il Partito Democratico per dare vita al Gruppo Misto. Una scelta che girava nell’aria da un po’ di tempo, ma che si è concretizzata soltanto venerdì scorso durante il consiglio comunale. Voerzio assicura che la scelta di costituire il Gruppo Misto non ha nulla a che vedere con le vicende nazionali del Partito Democratico, e precisa che si tratta di incomprensioni con chi gestisce la sezione locale: “A giugno scorso abbiamo perso le elezioni perché la metà del Partito non è andato a votare. Cosa ci stiamo a fare in un Partito che poi non ti vota nonostante si siano svolte le primarie? Comunque rimaniamo delle persone di centrosinistra – e aggiunge – di fatto, per la prima volta, non abbiamo rinnovato la tessera del Partito” e ammette di non escludere eventuali ripensamenti. “Proseguiamo nel nostro ruolo di consiglieri comunali rispettando il programma elettorale con il quale ci siamo presentati alle scorse elezioni. Faremo opposizione su quello che non riterremo opportuno o che sarà lontano dal nostro programma”.

 

 

Con l’uscita dei due consiglieri, il Partito Democratico non è più rappresentato in Consiglio comunale. “Mi spiace che Voerzio e Mazza abbiano deciso di andarsene. Io ritengo che un candidato sindaco del Partito Democratico dovesse restare comunque all’interno del Partito perché il Partito è importante – afferma l’ex segretario della sezione alpignanese Giovanni Simondi – e aggiunge – Il Partito è presente a livello locale. Ci sono delle cose che devono essere cambiate e quindi si vedrà”. Dopo le dimissioni di Simondi, dal provinciale è stato nominato il vicesindaco di Collegno, Antonio Garruto, con il compito di accompagnare un gruppo di lavoro per riorganizzare la sezione. “A fine aprile ci sarà il congresso nazionale e poi ci confronteremo a livello locale”, chiosa Simondi.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.