ALTA VAL SUSA SENZA NEVE / ALLARME LAVORO: “CENTINAIA DI IMPIANTISTI SONO A CASA E SENZA REDDITO, ALLUNGATE LE VACANZE DI CARNEVALE”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di ENZO MARCUZZI (Sindacalista Cgil)

La Filt Cgil è molto preoccupata per l’andamento dell’attuale stagione sciistica in Piemonte. Ad oggi centinaia di lavoratori addetti al funzionamento degli impianti di risalita in Piemonte sono a casa senza lavoro, e senza alcun ammortizzatore sociale.

Ormai sono diverse stagioni che l’apertura degli impianti di risalita risulta essere problematica per carenza di neve, causando perdite di giornate lavorative che si possono quantificare in  diverse decine di migliaia, con conseguente riduzione di reddito, e parliamo solo del comparto impianti a fune; non dobbiamo però dimenticare tutti gli altri comparti legati alla filiera, personale degli alberghi, personale legato al commercio, personale legato alle pulizie degli appartamenti affittati,  personale dei sistemi di trasporto, maestri di sci, etc.

Si può calcolare che diverse decine di migliaia di lavoratori piemontesi legati al trasporto a fune e a tutto l’indotto siano a casa senza lavoro e senza reddito dall’inizio di Dicembre. Certo le stagioni si accorciano ma qualche soluzione bisogna trovarla, e quella che circola in questi giorni ci pare fattibile, ci riferiamo al prolungamento delle vacanze scolastiche del mese di febbraio di tre giorni, in modo da creare una settimana di vacanza.

Tre giorni, solo tre giorni che permetterebbero il prolungamento della stagione con benefici grandissimi, arrecando, crediamo, pochissimi o nessun disagio a lavoratori di altri settori, tre giorni che si possono recuperare all’inizio delle vacanze estive o al loro termine.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.