ALTA VALSUSA, LA REGIONE STANZIA 7,2 MILIONI PER LA NEVE ARTIFICIALE E GLI IMPIANTI DI SCI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

Riceviamo dalla REGIONE PIEMONTE

TORINO – La Giunta regionale ha approvato oggi il programma relativo ai contributi ai Comuni olimpici, ai sensi della l.r. 8/2013, per le stagioni sciistiche 2017/18 e 2018/19, stanziando complessivamente 7,2 milioni di euro, pari a 3,6 milioni per stagione.

“Questo provvedimento conferma ancora una volta l’impegno della Giunta regionale a favore del sistema neve regionale, riconoscendone l’importanza per lo sviluppo per le nostre valli – dichiara Antonella Parigi, assessora alla cultura e al turismo della Regione Piemonte – Con i fondi messi a disposizione dei Comuni olimpici contribuiamo a rendere sempre più competitivi i comprensori di un’area strategica per il turismo invernale, andando allo stesso tempo a uniformare a livello regionale i criteri di assegnazione delle risorse per l’innevamento”.

I contributi, a fondo perduto, riguardano in particolare gli interventi per l’innevamento programmato: secondo quanto previsto dal provvedimento, il calcolo del contributo verrà fatto in base alla lunghezza delle piste dell’intero comprensorio, e non solo su quelle interessate dalla cessione degli impianti avvenuta con la legge 8/2013, come avvenuto in precedenza. I contributi concessi ai Comuni per l’intero comprensorio sciistico, inoltre, non saranno cumulabili con quelli previsti dalla l.r. 2/2009. In questo modo si uniformano i bandi sulle due leggi regionali – 8/2013 e 2/2009 -, la prima per i comprensori olimpici, e la seconda per il resto del territorio piemontese.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

7 COMMENTI

  1. Inviterei i lettori e la redazione a rileggersi l’articolo e i commenti sui chilometri di piste, gonfiati e tarocchi, vantati nei nostri carissimi, come i dentisti, comprensori sciistici.
    Se questi saranno utilizzati per la spartizione del malloppo ci sarà da ridere.
    Sanità, scuole, strade e territorio nel frattempo continueranno a perdere pezzi per il risibile livello di manutenzione.

  2. Soldi pubblici per impianti privati? Inoltre il cambiamento climatico non aiuta lo sci, anche se si fanno impianti per la neve artificiale. Sarebbe meglio investire in turismo soft riqualificando sentieri e mulattiere in modo da offrire alternative eco compatibili visto che si parla di fondi Regionali.

  3. Totalmente schifato da questi decreti e leggi fatte su misura… Su tutti i giornali si è parlato di un inverno molto proficuo per l’alta valle sti soldi investiamoli in sanità e scuole mia cara regione Piemonte… Ma un esame di coscienza ve lo fate signori in poltrona? Probabilmente non avete mai avuto bisogno per i vostri cari di un ospedale che funziona come si deve, non per i medici e infermieri che lavorano che sono professionisti ma per la mancanza di attrezzature mediche in loco a susa… Investiamoli per il bene della comunità e non dove già ci sono i soldi…

  4. come già scritto in precedenti occasioni: facile fare gli imprenditori coi soldi degli altri.
    a beneficiare degli impianti per la neve sarà principalmente la Sestriere spa, società privata, che a fine di questa stagione invernale ha dichiarato affluenza record e ottimi incassi…..
    e allora perchè non si paga da sola gli strumenti che le servono per lavorare?
    vi sembra normale che il pubblico paghi e il privato incassi? a me no!
    ma è il solito schifo all’italiana

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.