ATTENZIONE ALL’ABUSO DI SOSTANZE IN QUARANTENA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dall’ASL TO3

L’emergenza Coronavirus sta costringendo a casa milioni di persone. Fra queste, anche coloro già in carico al Dipartimento Patologia delle Dipendenze per problemi legati all’uso di sostanze o al gioco d’azzardo, facile anche via Internet.

Da alcuni studi effettuati sulle conseguenze psicologiche dei periodi di quarantena relativi alle epidemie di virus come HIN1, MERS e SARS è emerso che le misure restrittive di isolamento a domicilio, sebbene indubbiamente necessarie ed efficaci sul piano epidemiologico, possono associarsi a disagio psichico ed incidere negativamente su situazioni di abuso di sostanze psicoattive e/o comportamenti additivi.

L’Asl To3, attraverso la campagna informativa “#iorestoacasainsalute” messa a punto dal Dipartimento Patologia delle Dipendenze, diretto dal Dott. Paolo Jarre, ha avviato un progetto di sensibilizzazione e di corretta informazione, anche per confutare alcune notizie false, prima fra tutte quella legata a consumo di alcolici e protezione dal Coronavirus (i manifesti sono disponibili sul sito istituzionale dell’Asl To3).

La campagna affronta tre ambiti particolarmente a rischio, alcool, fumo e gioco d’azzardo, fornendo informazioni attendibili, chiare e corrette rispetto alla correlazione esistente fra consumo di alcolici/tabacco e infezione da Covid-19 e invita a contattare i recapiti telefonici messi a disposizione per ricevere un supporto in caso di comportamenti problematici legati all’uso di sostanze e/o al gioco d’azzardo in questo particolare e difficile contesto legato all’emergenza.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

  1. Stare fermi, in spazi ristretti, senza potersi muovere per 40 giorni e forse più, non è un bene per ľapparato cardio circolatorio. Concedere la possibilità di una modesta attività fisica, da svolgersi da soli, tipo camminata, corsa etc non sarebbe stato un male. Le conseguenze fisiche e psichiche di un tale fermo in casa ci presenteranno poi il conto.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.