AVIGLIANA E L’ACQUA SPORCA, PARLA IL SINDACO: “PUÒ ESSERE BEVUTA ED È POTABILE, ANALIZZEREMO ANCHE QUELLA DEI RUBINETTI”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Il sindaco Archinà (a destra) mostra la bottiglietta di acqua marrone durante la serata con la Smat

di PAOLA TESIO

Sindaco Andrea Archinà, l’acqua sporca di Avigliana si può bere oppure no?

Sì che può essere bevuta…quando nella scorsa serata si è parlato di potabilità ed utilizzabilità, è apparso chiaro che l’acqua può essere considerata potabile se rispetta una serie di criteri, quindi anche in presenza di quel colore.

Ma perché non è stata fatta un’analisi sull’acqua che esce dai rubinetti delle case?
Abbiamo chiesto alla Smat di fare anche delle campionature dai rubinetti del case che erogano acqua sporca. Il privato comunque può far analizzare l’acqua del proprio rubinetto anche oggi, prelevandola da casa e portandola negli appositi laboratori. Il Comune non ha fatto fare l’analisi sull’acqua che usciva dai rubinetti e quindi non abbiamo quel parametro, ma abbiamo i risultati delle analisi effettuate dall’Asl sui campioni prelevati dai pozzi. Poi ci sono le analisi della Smat, che sono rilevate a valle dell’impianto di depurazione. Molto probabilmente l’acqua è potabile anche se assume quella colorazione, in quanto dalle analisi è emerso che non si superano certi livelli.

Visto che i cittadini hanno più volte sollecitato il Comune, non potete chiedere far analizzare l’acqua che esce dai rubinetti delle case?

Infatti è quello che abbiamo preannunciato: istituiremo un tavolo di lavoro con la Smat e verranno fatte analisi a campione nelle varie abitazioni. È ovvio che la Smat certifica l’acqua solo sino all’inizio delle condotte del privato ed afferma che rispetta tutti i limiti previsti. Nel fare le  analisi  a campione sulle  diverse abitazioni occorrerà considerare  la variabile dell’impianto di ciascuno:  se si mettono dei filtri all’inizio delle condutture private, come dei cittadini hanno fatto, si avrà un’acqua più pulita, mentre se non si utilizza alcun filtro si avrà un’acqua diversa”.

Si è detto che durante il fine settimana, essendoci più utenti, l’aumento di pressione provoca  il distacco del manganese e il deposito nell’acqua dei rubinetti…
Sì, però come amministrazione comunale abbiamo sottolineato che il fenomeno si è verificato anche durante la settimana, per cui non può essere determinato soltanto da quel fattore. Sottolineo che bisogna fare le dovute richieste direttamente alla Smat, proprio perché sia data ai tecnici la possibilità di collegare le segnalazioni in determinate aree con gli interventi che stanno facendo. Il Comune contatta direttamente la Smat ogni volta che ci accorgiamo di un problema, quando viene postato su Facebook o se emerge dalle telefonate dei cittadini. Però se loro non ricevono direttamente la chiamata, gli risulta tutto regolare. Per questo è importante che siano i cittadini a segnalare i problemi direttamente alla Smat.

La rete idrica è in gestione alla Smat?

Sì, dal 2003  è completamente in gestione alla Smat. Nel 2019 entrerà in funzione l’Acquedotto di Valle e tutti gli interventi andranno nella direzione di creare un’unica rete.

Nei dati dell’Asl viene rilevata la presenza di arsenico. In passato vi eravate già accorti di questo?

Sì. L’arsenico era già presente e gli impianti di depurazione servono proprio a ripulire l’acqua da quella sostanza e risolvere il problema.

Secondo quanto scrive l’Asl, il limite di presenza di arsenico è stato superato, seppur lievemente.

Sì, ma quelle campionature dell’Asl sono state fatte nei pozzi, prima della depurazione dell’acqua. Invece nelle analisi successive effettuate dalla Smat è stato certificato che l’acqua immessa nelle condutture ed erogata alle case ha i valori nella norma. Inoltre nei dati Asl vi è un indice di tollerabilità, quindi potrebbe essere conforme. In ogni caso la Smat ha certificato che la presenza di arsenico nell’acqua di Avigliana è al di sotto dei valori limite, anche perché in caso contrario l’Asl sarebbe già intervenuta.

A proposito della presenza di manganese, l’Asl chiede di fare dei controlli per verificare la fonte dell’inquinamento.

Questo l’Asl lo dice alla Smat e non al Comune, giusto per chiarire le competenze. L’Asl ha segnalato questo aspetto nella fase precedente alla depurazione, ma è ovvio che nel momento in cui la Smat fornisce l’acqua, quest’ultima viene depurata ed è certificata.

Però il sindaco è responsabile della salute pubblica del paese, quindi spetta anche al Comune effettuare ulteriori controlli ed analisi anche per rassicurare la popolazione…

Sì, è previsto nelle prossime azioni del tavolo di lavoro con Smat. Per i cittadini che segnaleranno l’acqua sporca in casa, predisporremmo delle analisi più specifiche e al quel punto si metteranno a confronto l’acqua che arriva dalla Smat e quella che fuoriesce dai rubinetti delle case, in modo da avere dei dati ulteriori e comprendere meglio il problema.

Le ripropongo la prima domanda dell’intervista. L’acqua sporca si può bere sì o no?

Io in questo momento non lo posso certificare. La berrei perché ho la sicurezza sul fatto che non faccia male, ma è logico che non dico a tutti i cittadini che la possono bere, perché non mi sentirei di dire che possono berla. Non ha le qualità visive che, per la nostra percezione, indicano che possa essere bevuta. Qualche anno fa l’ex sindaco Castagneri bevve quell’acqua davanti a tutti. Lo fece come atto provocatorio? Non lo so. Secondo le analisi che mi fornisce la Smat, l’acqua di Avigliana è bevibile. Poi se qualcuno mi presenta la bottiglietta di acqua marrone, non è detto che faccia male, ma di sicuro non dico che è bevibile. Da sindaco sono il primo ad impegnarmi affinché quell’acqua torni ad essere trasparente. A tal proposito, aggiungo che ci sono molte acque trasparenti che non sono sporche, ma che magari sono estremamente dannose perché dentro hanno delle sostanze non visibili, ma pericolose. Non può essere il colore l’unico criterio per stabilire se l’acqua è potabile oppure no, ma certamente non è apprezzabile berla marrone.

Lei quindi non la berrebbe, anzi a differenza del suo predecessore non l’ha bevuta…

Se devo berla davanti a tutti lo faccio…ma non mi sembra questa una risposta seria da dare

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.