AVIGLIANA, IL CONSIGLIO ASCOLTA I GIOVANI ATTIVISTI PER IL CAMBIAMENTO CLIMATICO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di ANGELO FRANCO

AVIGLIANA – Al consiglio comunale del 25 settembre, su proposta dei giovani dell’associazione Fridays for future di Avigliana, è stata approvata la dichiarazione di emergenza climatica come presa di posizione e coscienza nella lotta alle conseguenze dell’inquinamento globale.

In sala consiliare gli interventi appassionati dei giovani volontari sono stati accolti con entusiasmo da consiglieri e assessori, che hanno votato la dichiarazione all’unanimità e ringraziato i ragazzi per il loro impegno. Le parole della consigliera Carola Negrino: “Ringrazio i ragazzi e le ragazze che questa sera sono qui a mettere tutte le loro energie in una causa comune a tutti. Nonostante siano studenti universitari, hanno scelto di dedicare il loro tempo e le loro energie in iniziative di questo tipo, da parte mia hanno tutto l’appoggio possibile“. L’assessore alle politiche ambientali del comune di Avigliana, Fiorenza Arisio: “Noi ci siamo”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

11 COMMENTI

  1. Saranno arrivati lì con il Mega-SUV come quando vanno alla stazione di Avigliana, che il suv per fortuna è troppo largo e non si infila nel sottopasso altrimenti si farebbero portare fin lì sotto?

  2. Ma ci sono scienziati che dicono che i cicli di riscaldamento/glaciazione dipendono più dall’attività del sole
    che da quelle umane.
    E in ogni caso per la parte umana dipende in maggior parte da alcune grandi potenze che non glie ne frega nulla.

  3. Vanno di moda ” le treccine alla gretina ” ? Ma perchè non cominciano da Avigliana , a ” pulire il mondo ” , magari, munendosi di paletta, sacchetto e scopetta, e girare per le strade insozzate dalle cacche dei cani ?

  4. quanti stupidi pregiudizi che leggo nei commenti precedenti!
    perché non provate a conoscere questi giovani anziché parlare per frasi fatte (che probabilmente rispecchiano quel che fate voi?). Evidentemente è più facile denigrare che mettersi in gioco…
    Nella manifestazione “Puliamo il mondo” di sabato 21 c’era una rappresentanza dei ragazzi di Friday for Future che ha abbassato la schiena per raccogliere le schifezze lasciate in giro da altri, mentre invece non c’era sicuramente chi ha scritto questo stupido commento qui sopra!
    Per chi sostiene invece che i cicli di riscaldamento/glaciazione dipendono dai cicli solari anziché da quelli umani, consiglio almeno una veloce lettura o l’ascolto dei filmati che ci sono su questo sito: https://ipccitalia.cmcc.it/climate-change-and-land/?fbclid=IwAR0RmC4gET0ikDgd-mDyPJwBI3KxokpnnUqcVlr9qepQxC4qXubmnuhRmP4

    • Se la civiltà umana è iniziata in posti oggi assolutamente inospitali in quanto totalmente desertici e, man mano, nei secoli si è spostata verso zone sempre più lontane dall’equatore, è la dimostrazione che il ciclo di riscaldamento non è iniziato solo da ora che a prendere il treno nessuno va più in bicicletta, che si tiene il riscadamento anche di notte, ecc..

  5. Tanta attenzione per cavolate. 7 miliardi di persone possono anche mangiare bio, ma inquinano lo stesso.
    7 miliardi di persone che usano corrente “green” hanno comunque un impatto devastante.
    Dichiarare emergenze, grazie ai media, grazie a greta, serve solo a trovare soluzioni veloci, a breve termine. La comunità scientifica è ancora molto dubbiosa sul “riscaldamento” globale (mentre ogni anno vengono battuti record di freddo) e tanto lo deve essere la politica e le persone.
    Limitare nascite, voli aerei e delocalizzazioni produttive (si produce dove si vende, non si produce in cina e poi export), rendere il denaro un mezzo sociale pubblico, non privato, affinché ne beneficino anche i servizi ambientali (ad esempio riciclare edifici vetusti in aree verdi senza costi per la comunità)

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.