AVIGLIANA, LA SMAT E L’ACQUA SPORCA: “SIAMO SICURI CHE SIA POTABILE?”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Avigliana, incontro con la Smat. Toni Spanò della minoranza interviene durante l’assemblea: lo sguardo sconsolato del sindaco Archinà

di ANGELO FRANCO

AVIGLIANA – Non sono mancate le polemiche all’incontro tenutosi ieri sera ad Avigliana, dove si è discusso del disservizio dell’acqua sporca in città, faccia a faccia insieme al Comune, ai vertici e tecnici Smat e ai residenti coinvolti. Drubiaglio, Grangia, Stazione, le zone che da anni vivono tale disagio, un problema che riguarda le tubature sporche di manganese accumulato nell’arco di 30 anni, che sempre più spesso rende l’acqua non bevibile e non utilizzabile per le ordinarie pulizie di cibi, stoviglie e vestiti.

Ad intervenire anche alcuni membri della minoranza politica aviglianese, tra cui il capogruppo di “Comitato Progetto per Avigliana” Mario Picciotto che, spinto dal pubblico parecchio “caldo” e polemico, attacca i vertici Smat e il sindaco relativamente alla potabilità dell’acqua e alla legittimità dei criteri di valutazione e diffusione dei risultati delle ricerche condotta sia da Smat che da Asl.

“Nel 2002 è stato assegnato l’acquedotto alla Smat, e assieme ad esso il progetto e i soldi per costruire un depuratore alla Verdina (una delle due fonti di approvvigionamento del comune di Avigliana, l’altra è Ponte Dora) – spiega Picciotto – impianto che, come da dimostrazione svolta durante l’inaugurazione del 2004, attraverso la depurazione di un bicchiere d’acqua sporca simile a quella presentata sul tavolo degli invitati in occasione dell’incontro, avrebbe dovuto garantire acqua “limpida e pulita” in tutta Avigliana. Se dopo molti anni sentiamo ancora parlare di acqua sporca, significa che qualcosa, evidentemente non ha funzionato”.

Picciotto prosegue parlando direttamente al sindaco e riferendosi alle rilevazioni e analisi dell’acqua ad Avigliana, lamentando di non aver ricevuto le informazioni relative al 2017. Inoltre si sofferma sui risultati che ha avuto modo di leggere: non concorda su quanto dichiarato dalla Smat e incitato dal pubblico rilancia: “La presenza di manganese nell’acqua la dice lunga circa la sua potabilità, di cui dubito fortemente, nonostante questi risultati rispettino per un pelo gli standard di tollerabilità,” spiega Picciotto, puntando il dito contro una delle bottiglie presentate al tavolo degli invitati come prova del disservizio.

“Quest’acqua non ha nemmeno le caratteristiche organolettiche per essere considerata…”. A tale proposito, l’ammissione troncata a metà dell’amministratore delegato Smat, Marco Ranieri sembra appoggiare i dubbi di Picciotto e di gran parte dei presenti in sala.

Mentre relativamente alla seconda fonte di approvvigionamento del comune, Ponte Dora, Mario Picciotto rivela quello che sembrerebbe essere una sorta di segreto nascosto sotto gli occhi di tutti ad Avigliana: “Nessuno sa che a Ponte Dora c’era la discarica di via Avigliana, un immondezzaio incredibile”. E dal pubblico un cittadino aggiunge: “La gente arrivava da Pinerolo per scaricare a Ponte Dora”. Picciotto allora domanda con una nota di sarcarsmo: “Cosa dicono le analisi effettuate a Ponte Dora?”.

Interessante anche l’intervento del capogruppo di “Adesso Avigliana” Toni Spanò, che ringrazia la Smat per averci messo la faccia ed essersi resa disponibile a questo incontro.

“Il problema non è di ieri, sono passati 20 anni e mi sorge un dubbio…forse questa cosa è stata trattata con troppa leggerezza ai tempi, ma oggi mi sarei aspettato una conferma ufficiale da parte del sindaco relativamente al fatto che quest’acqua sia potabile – ha detto Spanò – un’analisi di questo tipo magari non avrebbe risolto il problema, ma per certo avrebbe tranquillizzato molti”.

Spanò prosegue con una richiesta: “Le cisterne non saranno la salvezza ma se posizionate nei punti più critici della città, possono essere d’aiuto” e conclude “in consiglio comunale non ci sottrarremo dal fare un’istanza di richiesta per quello che è il problema dell’attenzione alla bolletta e ai costi”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

2 COMMENTI

  1. E’ semplice: Invitare il sindaco e il capo della Smat , a presentarsi tutti i giorni, in piazza ad Avigliana, e bersi un bel BICCHIERONE di acqua ” POTABILE” per i prossimi due anni.

  2. Buongiorno sono arrivato a drubiaglio nel 2015 facendo i lavori di ristrutturazione e messa in opera del contatore nuovo ,richiesto mi dalla smart,ho provveduto ad installare un filtro consigliato dai vicini per l’acqua sporca,in effetti quando ho avuto l’acqua,ho preso l’acqua per farmi una spaghettata,era fangosa ,ho fatto una foto della pentola con l’acqua marrone come prova

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.