AVIGLIANA, PARTONO I LAVORI PER RIAPRIRE LO SVINCOLO DELL’AUTOSTRADA: COSTERA’ OLTRE 430.000 EURO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

image

AVIGLIANA – Le code ad Avigliana nelle ore di punta dovrebbero diventare solo più un lontano ricordo: l’amministrazione Patrizio ha infatti approvato il progetto esecutivo per la riapertura dello svincolo Est dell’autostrada A32 Torino-Bardonecchia, depositato all’ufficio protocollo del Comune ad inizio marzo, da parte della società delle autostrade Sitaf. Il costo totale dell’opera ammonta a 430.000 euro, secondo quanto previsto dall’accordo per la modifica infrastrutturale dello svincolo, risalente a fine 2015. La spesa sarà suddivisa tra i tre principali attori: il Comune di Avigliana, la SITAF e l’ANAS.

Più precisamente, il Comune metterà 150mila euro, Anas 140mila euro, e Sitaf 140mila.

La giunta aviglianese aveva già approvato a dicembre 2015 l’accordo per la modifica dello svincolo Est nell’A32, mettendo a disposizione un massimo di 150.000 euro, quelli che usciranno dalle casse comunali.

L’intervento dovrà essere realizzato nel corso del 2016: entro quest’anno dunque, dovrebbe riaprire lo svincolo dalla A32 verso Drubiaglio. Il raccordo consentirà, percorrendo l’A32 Torino-Bardonecchia in direzione Susa, di uscire allo svincolo di Avigliana Est e di immettersi direttamente sull’ex statale 24, senza l’obbligo di andare fino alla rotonda di corso Europa, per poi tornare indietro.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

3 COMMENTI

  1. ma con quale sarcasmo diciamo che lo svincolo lo paga uno o altri, , alla fine lo paga IL CITTADINO i soldi comunali e di anas sono del CITTADINO, quelli di sitaf sono sempre del CITTADINO, quando avete chiesto al CITTADINO se voleva fare questo svincolo visto che lo paga per intero ?… MAI quindi non dovremmo pagarlo, non avendolo mai ordinato….. che se lo paghi chi lo ha commissionato ma con soldi privati non pubblici chiaro ?!!!!

  2. Condivido l’opinione di Ettore ma, si sa, l’Italia è ormai la zona franca della giustizia…anche nel senso che la fanno tutti franca.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.