BARDONECCHIA ALLA BORSA DEL TURISMO: I RISULTATI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dall’UFFICIO DEL TURISMO DI BARDONECCHIA

BARDONECCHIA / MILANO – Martedì 12 aprile si è conclusa a Fiera Milano City la Borsa Internazionale del Turismo 2022, uno tra i principali appuntamenti mondiali della domanda e dell’offerta turistica, punto d’incontro di mille operatori/venditori/organizzazioni fornitori e produttori, grossisti e rivenditori di 35 paesi del comparto turistico, di cui il 15% da 35 paesi esteri in grado di spendere ogni anno più di 26 miliardi di euro, l’11% in più rispetto al passato, meno di quanti consumati dal turismo prima dello scoppio della pandemia.

La Regione Piemonte ha preso parte alla Borsa con uno stand all’interno del quale le informatici delle sette Agenzie Turistiche Locali territoriali, comprendente Turismo Torino e Provincia, hanno fornito informazioni e distribuito materiale informativo con l’obiettivo di incrementare il bacino incoming nazionale ed estero, senza trascurare il turismo di prossimità. Obiettivo perseguito anche dalla delegazione di operatori turistici piemontesi comprendente il Consorzio Turismo Bardonecchia, organizzazione presieduta da Giorgio Montabone che raccoglie i principali operatori turistici della Conca, punto di riferimento per turisti e tour operator italiani e stranieri che desiderano scoprire e soggiornare sia d’inverno che d’estate ne “La Perla delle Alpi”.

“Il Consorzio – ha dichiarato Fabrizio Valentini, Presidente dell’Associazione Albergatori di Bardonecchia, in un sintetico bilancio consultivo – Giorgio Montabone si è alternato a rotazione con me ed alcuni soci del Consorzio: Enrico Rossi, direttore della Colomion SPA, Cristian Bau, Enrico Perni del Villaggio Olimpico e Federica Bertello, Responsabile Commerciale Frejus Case Vacanza in questi quattro giorni di promozione e commercializzazione dell’offerta turistica della Conca sul mercato interno ed internazionale. L’intero comparto turistico mondiale, in questa fase definita dal ministro Massimo Garavaglia, “del rilancio”, sta gradualmente ripartendo tra mille difficoltà derivanti principalmente dal perdurare della crisi economica globale, dallo scoppio della pandemia e dell’invasione dell’Ucraina. Le contrattazioni ed i contatti che abbiamo avuto con i grossi tour operator sono andati molto bene e sono già parecchie le prenotazioni per l’estate e per l’inverno prossimi nelle nostre strutture ricettive. La pandemia Covid-19 ha comportato, tra l’altro, l’aumento della domanda di strutture ricettive extralberghiere, tipo residence, con limitate possibilità di contatto tra molte persone. Il comparto privato, in attesa del pieno ritorno ad una nuova normalità sta lavorando in sinergia con l’Amministrazione Comunale e con le componenti sociali e commerciali legate al turismo per elaborare alcuni progetti specifici. Abbiamo individuato come strumento di pronto rilancio, l’inizio anticipato ed il proseguimento dei periodi di fruizione turistica. Bardonecchia, località di turismo invernale e di villeggiatura estiva, punta in particolare ad una bi-stagionalità, anticipata e prolungata, realizzabile soprattutto aumentando le opportunità di far vacanza da noi, migliorando l’offerta, la qualità dei servizi e potenziando il turismo famigliare e sportivo”.

 

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.