BARDONECCHIA APRE IL MICRONIDO PER I BIMBI DAI 6 AI 24 MESI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dallUFFICIO STAMPA DEL COMUNE DI BARDONECCHIA

BARDONECCHIA – La scuola dell’infanzia paritaria “Monsignor Francesco Bellando” di viale Bramafam, con alle spalle 110 anni di attività, offre dall’anno scolastico che inizia lunedì 10 settembre, un importante e qualificato servizio, particolarmente utile per i genitori: un micro nido.

La scuola, unica nel suo genere in valle, con novantasei bimbi iscritti, di cui sette al micro nido, è amministrata dal consiglio dei genitori, che si rinnova ogni tre anni e usufruisce di un contributo annuo, erogato dalla civica amministrazione, di circa 105.000 euro di cui 30.000 per la sezione Primavera, frequentata da bimbi in età compresa tra i due e i tre anni e 75.000 euro per la scuola dell’infanzia, aperta ai bambini dai tre ai sei anni.

La buona gestione, l’impegno, la passione, la professionalità del consiglio di amministrazione gestito dai genitori, presieduto da Carlotta Cravero, mamma di tre bambini, coadiuvata dalla maestra Tiziana Ierace, ha convinto l’amministrazione comunale ad assecondare la richiesta di aprire anche la sezione micro-nido (massimo dieci utenti) in età compresa tra gli i 6 e i 24 mesi.

Quando l’Asl ci ha confermato che potevamo aprire il nido – dice la Presidente dell’Associazione dei genitori – per la gioia, mi è venuto da piangere. L’idea di una nuova struttura per i piccolissimi cittadini ci e venuta più di un anno fa. Il percorso burocratico, inizialmente tortuoso, ha subito un’accelerazione positiva da quando gli amministratori comunali ci hanno sostenuto a pieno per adempiere alle varie disposizioni, alle normative e alle varie incombenze necessarie per consentire l’apertura del micro nido“.

Il lungo cammino si è concluso solo mercoledì 29 agosto, quando l’Azienda Sanitaria Locale To3, ha accertato e certificato l’idoneità degli arredi e dei locali che come tutti quelli utilizzati dall’Associazione sono offerti in comodato d’uso dal comune che sostiene anche la manutenzione e le spese degli stessi.

A conferma dell’ottima collaborazione instauratasi tra noi dell’amministrazione comunale e i gestori della scuola, al fine di tutelare a pieno la salute dei più piccoli utenti e rassicurare i genitori – sostiene Piera Marchello, assessore comunale alle Politiche Sociali – anche il servizio mensa con cibi preparati in sede giornalmente, unico in Valle, che garantisce un miglior servizio di qualità, è stato ancora affidato alla scuola dell’infanzia, che per la sua erogazione, introita dalle casse comunali circa 30.000 euro“.

L’Amministrazione Comunale – sostiene Chiara Rossetti, vice sindaco, con delega alla Cultura, Scuola Istruzione e Ambiente e Partecipazione Attività per Giovani – si è resa disponibile nell’affiancare il Consiglio di Amministrazione perché apprezza e sostiene tutti quei genitori che, dedicando volontariamente parte del loro tempo libero da altri impegni, permettono alla scuola di crescere, di essere sempre all’avanguardia e di divenire così un vero fiore all’occhiello per tutto il paese“.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.