BARDONECCHIA DÀ IL BENVENUTO UFFICIALE AI NUOVI NATI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Foto di Gian Spagnolo

COMUNICATO STAMPA DELL’UFFICIO DEL TURISMO DI BARDONECCHIA

BARDONECCHIA – L’Amministrazione Comunale invita i genitori dei 24  neonati tra il 1 gennaio 2021 e il 30 marzo 2022 di Bardonecchia ad un incontro di buon augurio e di saluto che avrà luogo nella Sala Consigliare lunedì 16 maggio 2022 alle ore 17,00.

Primo passo di crescita nella vita comunitaria e benvenuto ufficiale ai nuovi nati, formulato da Chiara Rossetti, sindaco di Bardonecchia e da Maria Teresa Vivino, assessore all’Istruzione nella «Giornata Internazionale della Famiglia», istituita nel 1994  dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite (ONU) per celebrare ogni anno il 15 maggio la famiglia, definita come “fondamentale gruppo sociale e l’ambiente naturale per lo sviluppo e il benessere di tutti i suoi membri, in particolare i bambini” .

“E’ nostra intenzione – scrivono nell’invito le amministratrici comunali – dimostrare la nostra vicinanza con un segno tangibile ed unico rappresentato dalla Pigotta dell’UNICEF, la bambola di pezza, che può donare ad un bambino la speranza di una vita migliore  e che contribuisce  alla sopravvivenza, alla protezione e allo sviluppo delle potenzialità di ogni bambino e bambina, con speciale cura per quelli più fragili e vulnerabili. Una bambola  speciale, unica ed irripetibile  che legherà per sempre con un filo invisibile i vostri bebè ad un bambino meno fortunato. Una nuova nascita è sempre una grande gioia per la famiglia e per la comunità. Grazie sin d’ora per esserne entrate a far parte”.

Foto di archivio
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

3 COMMENTI

  1. Ben arrivati nel mondo!!!
    Tra vent’anni, poi, immagino andrete via dal bel Paese… Fuga di cervelli….
    Mi preoccupo più dei ciucci che restano ( me compreso, beninteso!)

  2. Benvenuti sì, sarete quelli che nella vostra lunga vita assieme ai vostri futuri figli, dovrete appianare i debiti lasciati dalla nostra classe dirigente, attenta ai bisogni della comunità.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.