BARDONECCHIA, FINALMENTE APRE LA VILLA CONFISCATA ALLA MAFIA / SABATO LA CONSEGNA AL COMUNE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

IMG_2909-0
BARDONECCHIA – Sabato 5 dicembre alle ore 10 in sala consiliare consegna ufficiale della casa confiscata ristrutturata dalla SITAF al Comune di Bardonecchia.Il percorso è iniziato nel 2009 quando all’amministrazione guidata da Francesco Avato, che nel frattempo aveva ottenuto dalla Prefettura l’assegnazione della casa, si affianca il gruppo scout di Bardonecchia che si dà disponibile ad aiutare nella gestione. Nasce l’associazione Liberamente Insieme che dà alla casa il nome “L’alveare” e continua il lavoro di preparazione alla gestione con l’amministrazione guidata da Roberto Borgis. Intanto la SITAF si rende disponibile a sostenere tutte le spese di ristrutturazione ed oggi finalmente consegna la casa, in perfette condizioni e bellissima nel suo colore rosso, al Comune. E’ ora il momento di preparare gli ultimi documenti ed arredi perchè i volontari di Liberamente Insieme possano nel 2016 inaugurare ufficialmente la casa con una giornata di festa a cui tutti sono invitati ed aprirla a quanti vorranno esserne ospiti ed ai bardonecchiesi che vorranno aderire alle attività. Per intanto sono aperte le iscrizioni all’associazione Liberamente Insieme. Il sito dell’associazione è www.liberamente-insieme.it

L’incontro di sabato inizierà in sala consiliare con il saluto del Sindaco, dei rappresentanti della SITAF, dell’associazione Libera (che ha seguito tutto il percorso del bene confiscato e che ha collaborato con un finanziamento per l’acquisto degli arredi) e di Liberamente Insieme. Quindi tutti si recheranno alla casa per una breve visita dei locali e l’incontro terminerà con un rinfresco offerto dalla SITAF sempre nei locali del Comune.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.