BARDONECCHIA, IL CAMPEGGIO CHIUDE A GIUGNO: A RISCHIO LA STAGIONE ESTIVA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

image

BARDONECCHIA – Venerdì scorso, 8 aprile, nella riunione avuta fra i proprietari (attualmente sono circa 3.000) delle casette mobili nel campeggio Bokki di Pian del Colle e il Comune di Bardonecchia, è stata confermata la chiusura del camping, sede, tra l’altro, delle Olimpiadi Invernali 2006.

Il tribunale di Torino ha dato ragione al Comune nella causa contro la società che gestisce il campeggio ancora per aprile, la Bokki srl. Il giudice ha stabilito che il Comune deve rientrare in possesso dei terreni e farsi versare quanto dovuto: la Bokki srl dovrà risarcire la somma di 110mila euro, relativa agli usi civici. Si tratta di una sentenza di primo grado, ma esecutiva, quindi immediatamente applicabile. Certamente potrà essere ribaltata in secondo grado con l’appello, ma intanto si può e si deve attuare. Dal canto suo, la Bokki srl intende infatti presentare ricorso contro la sentenza, chiedendo alla Corte d’Appello che il risarcimento venga sospeso, così come la riappropriazione dei terreni al Comune.

La chiusura si prevede per giugno, per questioni legali fra i gestori del campeggio e il Comune di Bardonecchia.

“Dalle Olimpiadi facevamo ogni anno in estate un raduno al Bokki Camping; quest’anno con la mia associazione faremo il raduno estivo in Francia, e mi dispiace molto”, ci spiega una campeggiatrice, e continua dispiaciuta: “Perché in Italia non si può dare maggiore sviluppo turistico a zone di eccellenza? Ma è mai possibile che un posto così bello venga chiuso?

Abbiamo interpellato il sindaco Borgis a riguardo.

– Sindaco Borgis, quindi non farete una gestione-ponte?

“Stiamo lavorando per una soluzione ponte, che non danneggi i campeggiatori. Il provvedimento di chiusura del campeggio verrà attuato perché obbligatorio, ma in accordo con un’associazione di campeggiatori stiamo lavorando per una sorta di “gestione provvisoria” che dovrebbe traghettare il campeggio fino al l’individuazione del nuovo gestore”.

– E quando farete il bando per la gestione del Bokki?

“Nei prossimi mesi, perché dobbiamo aspettare una perizia che valuti e indichi i lavori da fare nel campeggio (messa a norma degli impianti, ecc..), da parte del vincitore del bando”.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

2 COMMENTI

  1. Il Bokki è uno dei più bei campeggi di montagna e l’Amministrazione comunale deve essere fiera di questo gioiello, che garantisce: Turismo, Commercio e Vitalità. Sig. Sindaco e Sigg. Consiglieri abbiate il buon senso di trovare soluzioni per non danneggiare le migliaia di persone (unite o non in Comitato) a ravvivare la stagione estiva ed invernale.

  2. Demenziale . !!!!!!! Si lavora sempre di più per mettere in difficoltà il turismo . Perché non spostare l’area camping oltre il confine su territorio Francese dove non strozzano con tasse e balzelli vari .

Rispondi a Gaetano Di Domenico Annulla risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.