BARDONECCHIA, INCONTRO CON BOLLEY

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dall’UFFICIO DEL TURISMO DI BARDONECCHIA

BARDONECCHIA – Nell’appuntamento letterario nell’ambito di “Scena 1312”, stagione culturale della città di Bardonecchia, al Palazzo delle Feste è protagonista un grande artista italiano, che dal 1973 vive proprio a Bardonecchia. Alle ore 18 di venerdì 28 dicembre verrà presentato il libro “Eugenio Bolley: opere 1950 – 2018” (Allemandi), scritto da Alberto Sinigaglia e Francesco Poli.

La Città di Bardonecchia rende così omaggio a un suo artista di eccellenza, un vero e proprio outsider dell’arte italiana contemporanea, guidato da uno spirito ecologista e da una continua riflessione artistica sul buono e corretto uso delle risorse ambientali.

EUGENIO BOLLEY, OUTSIDER DELL’ARTE ITALIANA CONTEMPORANEA

L’idea di Bolley, infatti, è tanto semplice quanto controcorrente. L’artista ha scelto di vendere per beneficenza più di 1.300 fra dipinti, sculture, disegni e litografie di sua creazione, senza voler trarre alcun guadagno per sé. Nelle sue opere, l’artista dà sempre più spazio ai temi della sicurezza e della protezione dell’ambiente e del riutilizzo dei materiali derivati dalle produzioni industriali.

Oggi Bolley intende il suo ruolo di artista definendosi una “persona normale in grado di fare delle cose che non tutti possono fare”. Da “artigiano”, parola che usa nel senso più alto e nobile, Bolley interpreta il proprio fare artistico come il modo e lo strumento attraverso i quali affrancarsi dalle storture e dalle bassezze del mondo per testimoniare la propria vicinanza al prossimo, che per lui, cristiano credente, è impegno di coscienza e di fede al quale non ci si può sottrarre, in quanto «la fede senza opere è vana».

“IL SOGNO DI BOLLEY”, PROGETTO DI REAL GROUP

L’evento è stato organizzato in collaborazione con Reale Group, che con la fondazione Reale Foundation ha creato il progetto denominato “Il sogno di Bolley”, mirato sostenere iniziative in tema di ambiente e Comunità sostenibili. L’idea di fondo del “sogno” è investire tutte le risorse derivanti dalla vendita delle opere di Bolley a favore dei progetti che la Fondazione sosterrà dal 2019 per aumentare la capacità delle comunità di far fronte alle calamità naturali in Cile, Italia e Spagna, paesi in cui Reale Group è presente. Il libro è uno dei primi risultati del piano di promozione per la valorizzazione delle opere dell’artista bardonecchiese, che vede coinvolte numerose personalità nel campo dell’arte, della comunicazione, dell’editoria e dei beni culturali, che hanno messo a disposizione le proprie competenze professionali a titolo non oneroso. Nel 2019, inoltre, Reale Foundation sosterrà l’organizzazione di una retrospettiva dedicata alla vasta produzione di Eugenio Bolley presso uno dei maggiori musei di Torino, per poi dare corso nello stesso capoluogo, e nelle principali città italiane in cui opera Reale Group, a una serie di aste – evento dove le opere dell’artista saranno finalmente messe in vendita.

Il programma dell’evento e la presentazione di venerdì 28 dicembre verrà introdotta dalle istituzioni del Comune di Bardonecchia insieme Luca Filippone, Direttore Generale Reale Mutua, che presenterà il progetto “Il sogno di Bolley” e le sue finalità benefiche. A seguire l’intervento di Francesco Poli, uno degli autori del libro, con un excursus sul ruolo di Bolley nel panorama dell’arte italiana contemporanea degli ultimi cinquant’anni. La presentazione continuerà con gli interventi di Bruno Quaranta e Paolo Gallarati, per poi passare a Luca Mercalli, con un focus sugli elementi naturalistici e climatici presenti nelle creazioni dell’artista. L’intervento finale sarà proprio a cura di Eugenio Bolley.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.