BARDONECCHIA, LA RIAPERTURA DELLA SCUOLA ELEMENTARE CON TANTE ATTIVITÀ

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dalla DIREZIONE DIDATTICA STATALE “P.P. LAMBERT”

BARDONECCHIA – Nel mese di settembre, con grande gioia alunni e maestre della Scuola Primaria di Bardonecchia si sono potuti nuovamente incontrare. Sono finalmente riprese le lezioni in presenza, con qualche nuova regola dettata dalla convivenza con il virus, ma con il contagioso entusiasmo tipico di ogni inizio d’anno. Emozione pura, ancora più del solito.

Dopo i primi giorni di saluti, racconti, riorganizzazione delle aule, bimbi e insegnanti si sono cimentati in numerose attività all’aperto, ad esempio con piccole passeggiate che sono diventate un appuntamento fisso, in sostituzione del classico intervallo in corridoio. Oppure hanno esplorato i vigneti nei dintorni di Chiomonte.

Quando il plesso era sede di seggio, per il Referendum, si sono recati al Palazzo delle Feste, per partecipare a un interessante incontro sulla biodiversità, curato dal CAI. Le classi quarte hanno approfittato di quelle giornate per recuperare due delle uscite didattiche annullate durante il lockdown: una ai Laghi di Avigliana e l’altra al Parco della Preistoria di Vaie.

In occasione dell’iniziativa “Puliamo il mondo” tutti gli alunni hanno raccolto i rifiuti che erano disseminati nella pineta, in cui ogni tanto si recano per correre e giocare: educazione civica, dalla teoria alla pratica.

Nella penultima settimana di ottobre, in occasione dell’anniversario della nascita di Gianni Rodari sono inoltre ripartiti gli appuntamenti della scuola Primaria con la Biblioteca, gli alunni si sono lasciati coccolare dalla consueta dolcezza delle letture della Signora Anna, tra filastrocche e racconti.

Alunni e insegnanti hanno quindi fatto una partenza alla grande nell’intento di contrastare il virus e affrontare i prossimi viaggi nella fantasia, auguriamoci che si possano affrontare altri mesi in presenza e attiva partecipazione. È stato un inizio decisamente impegnativo, ma gli occhi felici dei bambini spronano le insegnanti a proseguire.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.