BARDONECCHIA, LA STAZIONE SARÀ CHIUSA DI NOTTE PER MIGLIORARE LA SICUREZZA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

16295562_10211686179490371_1700588409_n

BARDONECCHIA – Stazione di Bardonecchia off limits dalle 9 di sera alle 5 del mattino, per salvaguardare la sicurezza del paese e la quiete pubblica. Ad annunciarlo, l’assessore alle politiche sociali Piera Marchello durante il consiglio comunale di ieri sera: “Relativamente alla sicurezza all’interno stazione ferroviaria, la scorsa settimana abbiamo richiesto la sua chiusura dalle 21 alle 5 del mattino ai dirigenti della Rete Ferroviaria Italiana RFI, i quali ci hanno assicurato che procederanno in tal senso. Con i metodi che riterranno opportuni, ma saremo disponibili a intervenire con azioni di supporto sul lato sociale. Vogliamo risolvere questa situazione indecorosa”. La notizia è emersa a seguito di un’interpellanza presentata dall’opposizione, ed esposta dal consigliere Cristiano Paisio: “Non è nostra intenzione allarmare la popolazione, ma abbiamo riscontrato che in certe occasioni, soprattutto in quelle di maggior afflusso di persone, come per esempio durante le vacanze di Natale, ci sono state problematiche relative a furti o tentati furti, inoltre alcuni ragazzi mi raccontano spesso di spiacevoli episodi all’interno stazione”. Tra le varie soluzioni proposte, Paisio fa cenno ad un eventuale tavolo sulla sicurezza e alla previsione di sistemi di video sorveglianza, al fine di sensibilizzare le forze di polizia e redigere una programmazione per la prevenzione di fenomeni di degrado. “Non ci risultano particolari impennate di numeri relativi a furti o problematiche legate alla quiete pubblica, nel periodo indicato da Paisio – controbatte il sindaco Francesco Avato – il tavolo sulla sicurezza è più abituale nelle grandi città, gestito e convocato dalla Prefettura. Nei periodi di grande attenzione, vediamo ad esempio quello olimpico, si è sempre attuata una prassi di costante e continuo rapporto con gli organi di polizia, carabinieri e guardia di finanza, per valutare in tempo reale le circostanze. Voglio rassicurare la cittadinanza che esiste ancora un rapporto di scambio immediato con gli organi preposti alla sicurezza, con grande disponibilità e collaborazione”. Per quanto riguarda la video sorveglianza, Avato non esclude la possibilità di impiantare nuovi apparecchi oltre alle telecamere ZTL già presenti in paese, “ma in questo momento è una delle priorità che stiamo verificando insieme alle altre, nell’imputazione del nuovo bilancio; cercheremo di capire con la polizia e i carabinieri quale sia il modo a loro più utile”, conclude il sindaco.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.