BARDONECCHIA, SABATO L’INCONTRO PER SALVARE IL CAMPEGGIO BOKKI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

image

di MARIA GRAZIA AVATANEO

Sabato 14 Maggio
Ore 11,00
Sala della Chiesa Maria Ausiliatrice di Bardonecchia
via Montenero 19 (angolo Via Papa Giovanni)

BARDONECCHIA – No alla chiusura del Campeggio Bokki. Alcuni campeggiatori sono promotori di una petizione e sabato 14 maggio nella sala della Chiesa Maria Ausiliatrice di Bardonecchia in via Montenero 19 presenteranno in un incontro pubblico e APERTO A TUTTI la petizione, “NON CHIUDETE IL CAMPEGGIO BOKKI DI BARDONECCHIA”.

Saranno presenti politici e rappresentanti delle istituzioni.

IN POCHI GIORNI 700 FIRME. La petizione – diretta al Comune di Bardonecchia e alla Regione Piemonte – è già attiva su change.org e nel giro di pochi giorni ha già raccolto più di 700 firme. Saranno presenti i promotori della petizione e la cittadinanza di Bardonecchia e dell’Alta Val di Susa. La petizione, nata per iniziativa di un gruppo di campeggiatori, ha l’obiettivo di sensibilizzare le istituzioni e l’opinione pubblica, coinvolgendo tutta la comunità di Bardonecchia, i campeggiatori stanziali e stagionali, i turisti di passaggio, e coloro che ci tengono allo sviluppo turistico in alta valle. E’ nata con il proposito di sollecitare le istituzioni a trovare una soluzione affinché il campeggio non chiuda.

UN DANNO ECONOMICO DI PIU’ DI 3 MILIONI DI EURO(SOLO PER L’ESTATE 2016). 
La chiusura del campeggio, oltre all’amarezza di chi non potrà più soggiornarvi, porterebbe un grave danno economico alla comunità di Bardonecchia e alla comunità dell’Alta Val di Susa, ai commercianti e agli operatori turistici, poiché i campeggiatori fanno la spesa, frequentano i bar e i ristoranti, utilizzano le strutture sportive e ricreative locali. Considerando che il campeggio Bokki nei due mesi estivi di luglio e agosto ha una media di ospiti fra stanziali e transitori di circa 1000 persone, il danno economico previsto in base ai dati statistici è di circa tre milioni di euro. A ciò va aggiunto che se non si trova una soluzione per mantenere in vita il campeggio è a rischio anche la stagione invernale. Sono anche da mettere in conto il danno di immagine e il fatto che sarà in futuro molto difficile recuperare quei turisti, italiani e stranieri, che andranno altrove e non torneranno più.


PER INFO LINK PETIZIONE: https://www.change.org/p/comune-di-bardonecchia-non-chiudete-il-bokki-di-bardonecchia

CONTATTI
Maria Grazia Avataneo Fey – Portavoce
335.529.5328
mavataneo@hotmail.com

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.