BARDONECCHIA, UN SUCCESSO LA SETTIMANA DEL GUSTO CON IL GAMBERO ROSSO: GRAN FINALE AL RISTORANTE CHESAL /FOTO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

image

di CORINNE NOCERA

Si è conclusa sabato 25 luglio la prima fortunata edizione della “Settimana del Gusto” di Bardonecchia: sei appuntamenti culinari di alta qualità, tutti curati da esperti Gambero Rosso, nei migliori locali del posto: “Chesal 1805”, “Lo Chalet”, “Lalimentari”, il “Biovey”, “La Crota” e “La Grangia”.
Degustazioni dei migliori vini, selezionati dalle guide “Vini d’Italia” e “Berebene”, e speciali aperitivi gourmet, degni dei più famosi ristoranti stellati, hanno stuzzicato le papille gustative delle tante persone che hanno potuto godere di queste prelibatezze, preparate con passione dai 30 giovani alunni della “Summer School”: cinque intensi giorni di scuola in alta quota, per imparare alcuni segreti del travolgente e magico mondo della cucina.
Una full immersion nei fornelli, organizzata per la prima volta dalla Città di Torino del Gambero Rosso: gli esperti, hanno pensato di offrire ai ragazzi, col desiderio di diventare dei grandi chef, una preziosa possibilità, stando a stretto contatto con professionisti del settore, del calibro di Davide Damiano, docente di cucina e top chef di grande esperienza, nazionale ed internazionale, e del bardonecchiese Franco Ugetti, mastro pasticcere d’eccellenza per la nostra valle e non solo.
image
E vi possiamo assicurare che i risultati sono stati più che soddisfacenti: i trenta neo diplomati, hanno con piacere sacrificato un loro sabato libero, per farci viaggiare attraverso sapori, aromi, colori ed abbinamenti studiati con precisione, durante uno splendido pranzo in montagna, nella suggestiva location che solo lo chalet Chesal può regalare.
Per l’occasione, anche un altro importante personaggio nel panorama del food, ha contribuito a rendere questo ultimo evento della settimana, a dir poco stupefacente: l’unico chef piemontese dal capello rasta, Marcello Trentini, anche conosciuto come Magorabin, nome del suo ristorante stellato a due passi dalla Mole, nel cuore di Torino.
Da vero mago del cibo, con destrezza e simpatia ci ha presentato, in anteprima mondiale, la sua ultima creazione, un mix di ingredienti talmente lontani tra di loro, che proprio per questo, insieme formano qualcosa di armoniosamente unico.
Come ogni opera d’arte che si rispetti, anche questo piatto ha un nome, infatti Trentini, durante lo show cooking sulla luminosa terrazza del Chesal, lo ha presentato come “La zuppa di mare in montagna”, unendo così due mondi opposti.
image
Più che una semplice pietanza, la zuppa è una vera concentrazione naturale di gusti: i funghi per l’acidità, le lumache che danno la consistenza, il baccalà per la scioglievolezza, del prosciutto langhirano che dona sapidità e l’immancabile gambero rosso, per un tocco di dolcezza: il tutto immerso in un delicato brodo all’aglietto novello, preparato secondo le più antiche tradizioni.
Proposta dallo staff del Chesal come antipasto, la zuppa di mare sui monti ci ha preparati alla degustazione di un tris di antipasti, di un risotto alla borragine e di una carrellata di dolci marchiati Ugetti, il tutto accompagnato da interessanti baroli dell’azienda vitivinicola Reverdito, cantina di vini prodotti tra La Morra, Serralunga d’Alba e Verduno.
image
Il contesto naturale e stimolante, il grande riscontro che l’evento ha avuto sulla popolazione e la soddisfazione degli organizzatori, in primis gli esperti Gambero Rosso, han fatto sì che l’anno prossimo, abitanti e turisti di Bardonecchia, potranno rivivere un percorso di degustazioni e show cooking, curati dai migliori chef stellati d’Italia.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.