BORGONE, 40 NUOVE PIANTINE DI LAVANDA ALLA SCUOLA MEDIA CON “UN BOSCO PER LA CITTÀ”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di PAOLO ALPE (SINDACO DI BORGONE SUSA)

BORGONE SUSA – Dopo la piantumazione delle piantine di lavanda presso la scuola primaria, avvenuta lo scorso anno da parte dei bambini della scuola primaria “Virginio Ilotti”, torna anche quest’anno il progetto “Un bosco per la città”, ideato nel 1970 dal professore Mario Pianesi, pluripremiato scienziato autodidatta, nonché ideatore, fondatore e Presidente dell’Associazione UPM Un Punto Macrobiotico.

L’iniziativa vedrà mercoledì 29 novembre la “messa a dimora” di 40 piantine di lavanda presso la scuola secondaria di primo grado, da parte degli studenti della scuola stessa. Lo scopo dell’iniziativa è quella di educare i giovani ad una maggiore consapevolezza sull’importanza degli alberi, sia nella produzione di ossigeno, sia negli equilibri ambientali ecosistemici e idrogeologici.

Tra i promotori dell’iniziativa, un sentito ringraziamento alla Regione Piemonte che, oltre a patrocinare il progetto ha messo a disposizione, per tutti i Comuni aderenti, le piante necessarie per la realizzazione delle aree verdi. L’iniziativa ha inoltre il patrocinio di ONU, UNESCO, UNCDD, Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e Corpo Forestale dello Stato, nonché il vivo apprezzamento e considerazione da parte del Ministero della Pubblica Istruzione, ed ha lo scopo di realizzare dei boschi all’interno del territorio urbano, con specie autoctone tipiche delle varie zone: costa, pianura, vallata, collina, montagna, con il fine di migliorare la qualità dell’aria, bene assoluto dell’umanità.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.