BUSSOLENO, ECCO IL PIANO NEVE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di FRANCESCO RICHETTO (Assessore di Bussoleno)

BUSSOLENO – A breve arriveranno le prime nevicate, segno dell’inverno che incalza e delle stagioni che avanzano. Come ogni anno il nostro comune si appresta a far fronte ai disagi causati alla viabilità e alla normale vita di paese. Penso sia corretto, visto che gli uffici stanno lavorando al massimo delle loro possibilità, dare voce e spiegazione a quanto ci si appresta a fare. Comprendere e conoscere al fine di usare, ricevere e perché no migliorare ove possibile quello che ci auguriamo essere un buon servizio pubblico.

Il nostro “piano neve” si sviluppa con un appalto triennale cha va dalla stagione 2018-19 alla 2020-21. Il “lavoro” viene diviso in quattro aree-settori di sgombero neve e due settori di “salatura”. L’intero territorio comunale (che va dalle borgate Falcemagna-Argiassera ai Ballai-Tignai-Meitre) viene così coperto e suddiviso.

Questo sezionamento dà la possibilità di avere (vista la vastità del territorio) almeno quattro mezzi contemporaneamente che liberano la viabilità. In contemporanea o in modo separato e preventivo è possibile invece avere una salatura del manto stradale. Allo stesso modo i marciapiedi più utilizzati e gli accessi alle strutture pubbliche vengono liberati e resi accessibili. Alcuni “assi” principali come la SSP 24, la SS 25, via Rocciamelone a Foresto e via Mattie dal semaforo verso monte, vengono invece gestiti da ANAS e Città Metropolitana di Torino.

Il “lavoro” verrà gestito direttamente dal personale reperibile dell’area tecnico manutentiva (ufficio tecnico comunale) che si attiverà per organizzare l’uscita delle ditte e il corretto svolgimento dell’appalto. Fin qui tutto bene ma è buona cosa sottolineare alcuni punti critici al fine di affrontare serenamente un inverno in un comune che, fino a prova contraria è un comune alpino.

Quali sono le difficoltà del comune?
Ogni anno per comuni come il nostro diventa sempre più difficile reperire le risorese necessarie a coprire i percorsi necessari. (alcuni comuni hanno un solo versante montano e un territorio più ridotto da gestire).
Le ditte hanno sempre meno voglia di avventurarsi in un appalto difficile che richiede tempo, molta reperibilità e mezzi sempre più costosi.
La neve arriva insieme su tutto il territorio e molte aziende preferiscono appalti di sgombero più semplici (Bussoleno aimè non è semplice).
Molti giovani che provano ad avvicinarsi al mondo del lavoro faticano a partecipare ad appalti di questa portata e responsabilità.

Che cosa possono fare dunque i cittadini?
In caso di nevicate valutare attentamente gli spostamenti che vanno ridotti al necessario sia a piedi che in auto.
Dotarsi di un abbigliamento adeguato con calzature invernali che prevengano gli scivolamenti.
Sostituire gli pneumatici degli autoveicoli entro il 15 novembre come segnalato dalle circolari e portare a bordo le catene da neve.
Attendere e agevolare ove possibile il passaggio dei mezzi sgombraneve.
Segnalare se necessario eventuali criticità o emergenze.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

  1. Riguardo alla lettera del comune di Bussoleno riguardo il piano neve…..tutto bene..ma di gente che ha voglia di lavorare è pieno….la causa che scoraggia è la burocrazia assurda…e non meno i pagamenti….il gasoglio alla pompa lo paghiamo prima di estrarre la pompa stessa….lo sgombero neve viene pagato da un anno all altro…..come fa un imprenditore medio piccolo ad accollarsi investimenti del genere?

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.