BUSSOLENO PRESENTA LA CARTA DEI DIRITTI DELLA BAMBINA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di THOMAS ZANOTTI

BUSSOLENO – Un importante momento di riflessione è organizzato dal Comune di Bussoleno il 25 novembre in occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne: il sindaco Bruna Consolini insieme con Cinzia Richetto, vicesindaco e assessore alla Cultura, e a Caterina Agus, consigliere comunale e socia-delegata FIDAPA, presentano la Nuova Carta dei Diritti della Bambina.

FIDAPA-BpwItaly (Federazione Italiana Donne Arti Professioni e Affari) è associata alla International Federation of Business and professional Woman, una delle più influenti ONG in tema di difesa dei diritti delle Donne. La Carta della Bambina è stata redatta dalla FIDAPA ed approvata durante il congresso di Reykjavík in Islanda del 1997 per far fronte alla drammatica condizione delle donne, presentata a Pechino alla Conferenza mondiale sulle donne nel 1995.

Ispirata alla Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia del 1989, che equipara i due generi, la Carta dei diritti della Bambina , aggiornata nel 2016, è composta da 9 Articoli, che sono un’enunciazione di principi di valore morale e civile predisposti per promuovere la parità sostanziale fra i sessi, la valorizzazione delle differenze tra bambine e bambini ed il superamento degli stereotipi che limitano la libertà di pensiero e di azione in età adulta, spesso all’origine di episodi di violenza.

La Carta constituisce una premessa fondamentale per l’affermazione e la protezione dei diritti delle donne fin dalla loro nascita, operando per la tutela, l’aiuto, la formazione della bambina affinchè cresca nella piena consapevolezza dei propri diritti e doveri, contro ogni forma di discriminazione.

L’evento si terrà nella Sala Comunale alle ore 17.30 e costituirà il primo passo per il coinvolgimento degli allievi delle scuole bussolenesi, poiché è proprio dalla scuola che si ha il dovere etico di iniziare a combattere ogni forma di discriminazione.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

2 COMMENTI

  1. Evidentemente, i bambini, diritti non ne possono avere, se si specifica facciano capo alle sole bimbe. Per altro, le madri preferiscono ammazzare i neonati maschi.

  2. Forse Estraneo ha un po’ esagerato,
    ma…”promuovere la parità sostanziale fra i sessi, la valorizzazione delle differenze tra bambine e bambini ed il superamento degli stereotipi che limitano la libertà di pensiero”…insegnando diritti e doveri a senso unico e facendo una “carta dei diritti” di un solo sesso…L’intero articolo è la solita supercazzola buonista-inclusiva-pariopportunista che tanto piace al Pensiero Unico…l’uguaglianza tra i sessi, così come le loro peculiarità e le loro qualità distintive, sono fatti naturali e già incontestabili e innegabili. Il resto solo fuffa radical chic.

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.