BUSSOLENO, TERMINATI I LAVORI NELLA BORGATA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
di FRANCESCO RICHETTO (Assessore Lavori Pubblici Bussoleno)
BUSSOLENO – Una bellissima borgata tutta da scoprire quella di Roncaglie dove sono terminati alcuni lavori: un nuovo muro in pietra di sostegno alla strada, un nuovo lavatoio in pietra, una nuova staccionata in legno di protezione, un nuovo ulivo piantato per la festa dell’albero, preparazione area verde per semina ed illuminazione del viale.
Si è così chiusa questa sessione di lavori dedicati alla frazione di Bussoleno. Un importante investimento che ha di fatto impegnato l’annuale finanziamento sulla manutenzione delle infrastrutture. Tutto nasce dalla necessità più volte segnalata negli anni dagli abitanti e dai proprietari dei fondi agricoli di mettere in sicurezza la strada sorretta da uno storico muro in pietra di contenimento.
Lo stesso dunque viene riprogettato e ricostruito con una struttura portante in calcestruzzo rivestita dalle medesime pietre recuperate e sapientemente riposizionate. Il tutto viene accompagnato da una serie di opere di finitura e sicurezza quali la staccionata in legno e un nuovo lavatoio coperto anche in pietra e legno locale. Una collaborazione che ha coinvolto numerosi artigiani locali e non con il sostegno delle aziende della Valsusa specializzate nella lavorazione delle materie prime.
La differenza però è emersa grazie alla collaborazione dei numerosi abitanti del luogo che con la loro laboriosità hanno ultimato quelle lavorazioni di “cura e dettaglio” che solitamente ammiriamo in molte residenze private.
Qui non è stato così, il confine tra il pubblico e le case private non c’è e forse non c’è mai stato. La borgata, il territorio sono di chi li vive e li ama. Eccoli dunque sempre presenti a seguire i lavori, a integrare i dettagli, a piantare l’ulivo, a decorare il lavatoio e a preparare la semina del prato portando terra buona e livellandola.
Solo con loro potremo ammirare questa primavera un nuovo e bello scorcio di questo paese che tanto amiamo.
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.