BUTTIGLIERA ALTA, DUE “GIARDINI DEI GIUSTI” INTITOLATI A IRENA SENDLER

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dal COMUNE DI BUTTIGLIERA ALTA

BUTTIGLIERA ALTA – In occasione della “Giornata europea dei Giusti”, l’Amministrazione Comunale di Buttigliera Alta e l’Istituto Comprensivo cittadino, intendeno celebrare la ricorrenza istituita dal Parlamento Europeo nel 2012 e recepita dal Parlamento Italiano nel 2017. L’intenzione, proposta dall’Istituto Comprensivo a cui ha aderito l’Amministrazione, concretizzata il prossimo venerdì 6 marzo, data stabilita dalle Istituzioni comunitarie e nazionali in quanto coincidente con la scomparsa di Moshe Bejski, l’uomo che ha animato il “Giardino dei Giusti” dello Yad Vashem in Israele.

Durante la mattinata, dedicata agli alunni delle scuole e aperta a tutta la cittadinanza, il Sindaco Alfredo Cimarella intitolerà i giardini dei due plessi scolastici di Capoluogo e Ferriera a Irena Sendler: una dei Giusti, ricordata anche al Memoriale dello Yad Vashem. Irena era un’infermiera polacca che, durante la seconda guerra mondiale e l’occupazione nazista del suo paese, riuscì a salvare, insieme ad altri membri della Resistenza polacca, 2500 bambini ebrei del ghetto di Varsavia, fornendo loro documenti falsi, per fuggire all’arresto e alla deportazione nei campi di sterminio. Nell’ottobre del 1943 Irena venne arrestata e sottoposta a pesanti torture, subendo la frattura delle gambe, tanto che rimase inferma a vita. Condannata a morte, venne salvata dalla rete della Resistenza. Nel 1965, venne riconosciuta dallo Yad Vashem come “Giusta tra le nazioni” e nel 2007 fu riconosciuta eroe nazionale polacco. A questa donna eroica saranno intitolati i due giardini all’ingresso del plesso della primaria “Anna Maria Brizio” di corso Laghi e della secondaria “Giacomo Jaquerio” di via dei Comuni, con due cerimonie, la prima prevista per le ore 9.30 a Ferriera in via dei Comuni, e la seconda alle 10.30 a Capoluogo, in corso Laghi.

“L’intitolazione di un “Giardino dei Giusti” a Buttigliera Alta si inserisce in un più ampio filone di attività che la nostra amministrazione da anni dedica alla promozione della cultura della Legalità, in tutte le sue forme – afferma il Sindaco Cimarella – Abbiamo già altri luoghi del territorio dedicati a eroi, che si sacrificarono per il bene della comunità e la Giustizia, come la sala consiliare “Dalla Chiesa” del Municipio, e ci fa piacere aggiungere la memoria anche di questa figura e, insieme a lei, di tutte le altre, che nei terribili anni della dittatura e della guerra si opposero alla violenza e salvarono vite umane. Quest’anno, poi, l’intitolazione dei giardini delle nostre scuole a Irena Sendler si inserisce nell’insieme di azioni avviate con la sottoscrizione del protocollo d’intesa “I Comuni della zona ovest per la promozione della legalità”, che vedrà altri giovani buttiglieresi impegnati nella celebrazione delle vittime delle mafie e di chi lotta contro queste nuove ingiustizie sociali, seguendo l’istanza dei “Giusti”: donne e uomini che, in ogni tempo e in ogni luogo, hanno fatto del bene, salvando vite umane, si sono battuti in favore dei diritti umani e hanno difeso la dignità della persona, rifiutando di piegarsi ai totalitarismi e alle discriminazioni tra esseri umani”.

Le parole del Vice Sindaco e Assessore alle Politiche Educative Laura Saccenti: “La scelta dei giardini delle nostre scuole come luogo da dedicare alla figura di Irena Sendler vuole portare alla quotidiana attenzione delle più giovani generazioni e delle loro famiglie i valori di sacrificio, abnegazione, coraggio, che animarono questa donna, spingendola a mettere a rischio la propria vita, a pagare con la propria salute, per fare del bene e salvare la vita di così tanti coetanei dei bambini e ragazzi delle nostre scuole. Grazie quindi alla signora Rachele Bernardi Valle che ha proposto alle nostre scuole questo progetto, ai fiduciari dei plessi e agli insegnanti che hanno aderito e collaborato fattivamente. La data del 6 marzo, inoltre, si inserisce nel mese che anche la nostra amministrazione dedica alle celebrazioni della donna e ci è quindi piaciuto scegliere proprio una figura femminile ossia un’infermiera, per questa significativa intitolazione”.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.