CALCIO / L’UNION VALSUSA TRAVOLGE ANCHE IL VOLPIANO E DOMINA LA CLASSIFICA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn


di LUCA MARTIN

SUSA – Continua la striscia positiva dei ragazzi dell’Union Susa. Vittima, stavolta, è stata il Volpiano, sconfitta dai biancorossi con un perentorio 4-1 al “Mario Quaglino” di Susa. Falco schiera i suoi con un classico 4-4-2: Miceli in porta, linea a 4 composta da Olivero, Onomoni, Serpa e Renna, centrocampo formato da Pereno, Mazzone, Bonaudo e Anello con la coppia Squillace-Andrea Onomoni in avanti. 

I padroni di casa partono subito bene e dopo 3 minuti si presentano già pericolosamente dalle parti della porta avversaria: Squillace salta un paio di uomini e mette Anello a tu per tu con il portiere, ma la bandierina si alza e l’occasione sfuma per fuorigioco. 

L’Union dà l’impressione di voler mettere subito le cose in chiaro e pochi minuti dopo ha un’altra chance ancora con il numero 7 Anello, il quale riceve palla in mezzo all’area e lascia partire un sinistro che finisce però alto sopra la traversa. 

Il primo acuto degli ospiti arriva al minuto 10 quando, sugli sviluppi di una punizione, si crea una mischia nell’area dei padroni di casa, con Miceli bravo ad uscire e a risolvere la situazione. 

La partita è in mano al Susa che continua a tenere gli avversari schiacciati nella loro trequarti; al quarto d’ora bella punizione guadagnata da Andrea Onomoni dai 25 metri. E’ lo stesso attaccante a presentarsi per la battuta, con il portiere ospite Argomenniè che deve distendersi per evitare la rete del “9”.

La più grossa occasione del primo tempo si presenta, però, sulla testa dei giocatori in divisa biancoblu. Calcio d’angolo per il Volpiano, colpo di testa di Olmo che sembra destinato ad entrare, ma a Susa vige la legge di Miceli che con una parata clamorosa spinge la palla fuori dalla porta. Ennesima dimostrazione dell’indiscusso talento del giovane portiere segusino. 

Al minuto 26, però, arriva il meritato vantaggio dell’Union. Splendida punizione dai 30 metri di Mario Mazzone: una traiettoria deliziosa che il portiere avversario può solo guardare infilarsi sotto l’incrocio. E’ 1-0!

Vantaggio dei padroni di casa che non dura molto. Appena 5’ dopo, infatti, Olivero trattiene un avversario in area: l’arbitro non può fare a meno di concedere il calcio di rigore ed ammonire il terzino classe ’97.

Sul dischetto si presenta Santoro che batte Miceli con una conclusione potente e centrale. 

Tutto da rifare, dunque, per il Susa che sembra accusare il colpo. Al 40’ altra occasione per gli ospiti: bella giocata di Trovato che salta Serpa e mette in mezzo un cross che però, il numero 11 biancoblu Actis non riesce a concretizzare, con un tiro troppo strozzato. 

Con un Union un po’ disordinato, si chiude il primo tempo sul risultato di 1-1. 

Falco evidentemente si fa sentire nell’intervallo e i suoi entrano con tutt’altro piglio. Dopo appena 1’, sugli sviluppi di una rimessa laterale, clamorosa occasione per Max Squillace che da due passi, non riesce ad insaccare la porta ospite. Neanche il tempo di arrivare dall’altra parte, che i valsusini hanno un’altra chance: è ancora Squillace a rendersi protagonista di una bella azione con un doppio dribbling e conclusione in porta, con un difensore avversario che spazza il pallone sulla linea dopo la respinta di Argomenniè. 

Il gol però è nell’aria ed arriva, puntuale, al 4’ del secondo tempo. Andrea Onomoni va a contrasto al limite dell’area, la palla giunge a Renna che di prima intenzione mette un bellissimo cross per Anello: il “7” non si fa pregare ed infila la porta del Volpiano con un preciso lob di testa. E’ 2-1 Union!

I padroni di casa non si fermano e pochi secondi dopo, ancora con Anello, hanno l’occasione per il terzo gol, ma l’esterno dell’Union viene anticipato in uscita dal portiere ospite.

Il Volpiano però è vivo e si fa vedere pericolosamente dalle parti di Miceli al 10’: azione tutta di prima degli uomini in maglia biancoblu, cross in mezzo per il numero 17 Lo Russo che da due passi non trova lo specchio. 

Falco fiuta il pericolo e decide di mettere dentro l’artiglieria pesante al minuto 15: escono Andrea Onomoni e Anello, dentro la coppia gol Rizq-Aloisi.

Ed infatti, dopo appena 5’ i cambi pagano. Fantaloisi entra, Fantaloisi segna! Errore del Volpiano in uscita, la palla arriva a Mazzone che manda in porta il bomber del girone che non perdona: 3-1 e partita ormai indirizzata. 

I padroni di casa corrono però un grosso rischio pochi secondi dopo con Olivero che sbaglia il retropassaggio e manda in porta Lo Russo, ma ancora una volta ci pensa super Miceli che in uscita neutralizza il tentativo avversario. 

La partita finisce virtualmente alla mezz’ora. Paga anche il secondo cambio di Falco: questa volta è Rizq ad iscriversi al tabellino dei marcatori dopo un preciso assist di Alberto Onomoni.

La gara non ha più nulla da dire, ma al 32’ c’è ancora spazio per un intervento fantastico di Miceli che si allunga benissimo per respingere un tiro dai 25 metri. Con quei guanti neri ricorda tanto Yashin: per come gioca, ci somiglia davvero tanto! 

Al 35’ cambio per l’Union: esce Max Squillace, salutato da una vera e propria standing ovation, che lascia per l’ultima volta il terreno del Mario Quaglino. Dovrà salutare per motivi di lavoro. 

Al suo posto, dentro Larotonda. 

Il match prosegue senza particolari emozioni fino al triplice fischio che sancisce l’ennesima vittoria dell’Union e il proseguo di un cammino che diventa sempre più importante.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.